Colesterolo, olio di germe di grano per tenerlo a bada

Ricco di grassi buoni e fonte di vitamina E, l'olio di germe di grano è un toccasana per la salute del cuore

Ottenuto dal germe del seme del frumento, l’olio di germe di grano si contraddistingue per numerose proprietà importanti per la salute. Tra queste è possibile citare la capacità di tenere sotto controllo i livelli di colesterolo.

Entrando nel dettaglio delle caratteristiche di questo grasso di origine vegetale, ricordiamo che apporta circa 880 calorie all’etto. Fonte di lipidi buoni come acido oleico, acido palmitico e acido linoleico, è caratterizzato anche dalla presenza di un antiossidante portentoso come la vitamina E.

Utile per favorire la sintesi del collagene – non a caso è spesso utilizzato come ingrediente di prodotti cosmetici – l’olio di germe di grano, come sopra accennato, può rivelarsi un toccasana quando si parla di controllo dei livelli di colesterolo. Fondamentali a tal proposito sono gli acidi grassi insaturi che, come fatto presente anche dagli esperti del gruppo Humanitas, lo rendono un prezioso alleato della salute del cuore.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare delle proprietà dell’olio di germe di grano. In questo novero è possibile citare la capacità di lenire cicatrici e infiammazioni. Ricco di minerali importanti per la salute come il calcio, il rame e il manganese, l’olio di germe di grano si contraddistingue altresì per la presenza di vitamine del gruppo B, utili per migliorare l’efficienza del metabolismo.

Reperibile in commercio senza problemi tutto l’anno, l’olio di germe di grano è un vero toccasana per la salute. Capace di ottimizzare l’efficienza della circolazione ematica, è noto per il suo sapore intenso e per il suo ruolo cruciale nel controllo dei livelli dei trigliceridi (altro aspetto essenziale per la salute del cuore).

Oggi come oggi, in letteratura medica non sono presenti riferimenti relativi a un’interazione tra l’assunzione di olio di germe di grano e l’efficacia dei farmaci. Nonostante questo, per togliersi qualsiasi dubbio in merito alla sicurezza dell’olio di germe di grano è il caso di contattare il proprio medico curante prima di introdurlo concretamente nella dieta.

Se non sussistono controindicazioni, lo si può utilizzare in cucina in diversi modi e in diverse situazioni. Tra queste è possibile citare il fatto di aggiungerne un cucchiaio allo yogurt che si consuma a colazione. Ricordiamo infine la possibilità di utilizzarlo come condimento per la pasta o per il riso.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Colesterolo, olio di germe di grano per tenerlo a bada