Corona aggredito dagli spacciatori. L’amico: “Cerca la morte a tutti i costi”

"Cerca la morte a tutti i costi": dopo l'aggressione di Fabrizio Corona da parte dei pusher a Milano, Parpiglia commenta quanto accaduto

Dopo l’aggressione violenta subita da Fabrizio Corona e i post drammatici comparsi su Instagram, Gabriele Parpiglia prova a fare chiarezza su quanto accaduto.

L’ex re dei paparazzi, come è ormai noto, qualche sera fa si trovava nel boschetto di Rogoredo, a Milano, una delle piazze di spaccio più famose (e pericolose) della città meneghina. Corona stava girando un servizio dedicato alla droga per il programma L’Arena di Massimo Giletti in onda su La7. L’arrivo di Fabrizio, che aveva una telecamera nascosta, non è passato inosservato ai malviventi che l’hanno aggredito e picchiato violentemente.

Corona ha raccontato quanto accaduto su Instagram, subito dopo l’intervento della polizia e dell’ambulanza, mentre riceveva i primi soccorsi dai medici. Gli ultimi eventi hanno scosso moltissimo i fan di Corona, ma soprattutto Gabriele Parpiglia, autore televisivo e migliore amico dell’ex di Belen. I due si frequentano ormai da anni e il giornalista conosce bene Fabrizio.

Di fronte alle continue domande dei suoi follower, Parpiglia ha commentato l’aggressione dei pusher a Corona, mostrandosi molto preoccupato per le sorti dell’amico. “Credo stia cercando la morte a tutti i costi, ma non ci riesce – ha spiegato sulle Stories di Instagram -. Ieri stava girando per Giletti, così mi ha detto al telefono (non il suo, perché glielo hanno rubato). Il Solito. Ormai non mi stupirebbe più neanche vederlo mentre scala un grattacielo senza protezioni”.

Non è ancora chiaro cosa sia esattamente successo nel boschetto di Rogoredo, di certo, come mostrano le immagini postate su Instagram, Corona è piuttosto provato. “Ad un certo punto mi sono trovato per terra sdraiato con quattro che mi tenevano e uno che mi puntava il coltello – ha raccontato l’ex re dei paparazzi -. Questi non ci mettono un attimo a darti una coltellata. Tutto questo è pazzesco. Mi gira un po’ la testa adesso”.

Parpiglia ha poi chiarito che Carlos, il figlio nato dalla relazione con Nina Moric, non era insieme a Corona durante le riprese, come era stato ipotizzato inizialmente a causa di una frase pubblicata su Instagram da Fabrizio (“ora, in questo momento, ringrazio Dio per aver protetto mio figlio Carlos”).

Corona aggredito dagli spacciatori. L’amico: “Cerca la mor...