Mongee, virtù della banana giapponese di cui si mangia la buccia

Già sentito parlare di Mongee? Questa speciale banana giapponese si mangia con la buccia e vanta svariate proprietà. Ecco quali.

Siamo abituati a mangiare le banane togliendo la buccia, ma recentemente un’azienda giapponese ha messo sul mercato la banana Mongee dotata di una buccia sottile, commestibile e gustosa.

Generalmente le piantagioni di banane si trovano in aree geografiche calde dal momento che i banani crescono alla temperatura di 26-27 gradi. La D&T Farms, azienda sita nella prefettura di Okayama, in una zona del sud del Giappone, ha inventato un innovativo sistema di coltivazione. Le piante di banani vengono congelate a -60 °C, per poi essere trapiantate alla temperatura a 27 °C. In questo modo i banani crescono molto velocemente e la repentina escursione termica fa sì che la buccia delle banane risulti essere morbida, sottile e dolce. Questa tecnica di produzione  detta “freeze thaw awakening”. Pare che il frutto abbia uno spiccato sapore tropicale che ricorda vagamente quello dell’ananas.

Per ora la banana  Mongee viene prodotta solo in quantità limitate e si trova esclusivamente in alcuni negozi di Okayama, dove viene venduta a un prezzo molto alto, indicativamente 6 dollari al pezzo. A rendere speciale questo frutto è anche il fatto che viene coltivato senza l’uso di pesticidi e che può contare su un valore nutrizionale particolarmente ricco rispetto alle banane comuni, dal momento che vanta una maggiore concentrazione di triptofano, vitamina B6, magnesio e zinco. Da notare poi come la Mongee, nonostante sia più piccola delle banane tradizionali, contiene più zucchero: 24,8 grammi di zucchero rispetto ai 18 grammi, mediamente presenti nelle banane comuni.

Essendo così ricca di zucchero, vitamine e sali minerali, la banana Mongee è un ottimo energizzante, particolarmente indicata per chi pratica sport e attività fisica. Vista la presenza elevata di triptofano questo frutto risulta poi essere anche un prezioso alleato contro il cattivo umore, perfetto da consumare durante i periodi di stress o in caso di insonnia, dal momento che il triptofano stimola la produzione di serotonina.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mongee, virtù della banana giapponese di cui si mangia la buccia