Capelli rovinati da sole e mare: quali rimedi naturali?

Sole, mare, salsedine e cloro della piscina possono rovinare i capelli rendendoli secchi e crespi. Ecco come rimediare grazie a ingredienti naturali

Foto di Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Capelli rovinati

Se durante l’estate non abbiamo fatto nulla per proteggere i capelli dal sole è probabile che arrivate a settembre i capelli appaiano spenti, opachi, eccessivamente secchi e che abbiano perso colore. Per sapere come rimediare dobbiamo valutare oggettivamente la situazione, tenendo conto del fatto che le cellule di cui sono composti i capelli non sono vive e difficilmente potranno ripararsi. Quello che è possibile fare è agire esternamente, andando a richiudere le sottili squame sollevate dall’azione di sole, mare e altri agenti esterni. Sono proprio queste minuscole squame che, alzandosi, rendono i capelli crespi, peggiorandone l’aspetto. Le condizioni dei capelli possono certamente migliorare grazie all’uso di rimedi naturali, che consentono anche di non peggiorare ulteriormente la situazione, ma se ma se lo stato dei capelli è molto compromesso bisognerà attendere la nuova crescita rivedere i propri capelli forti, lucidi e sani.

Cosa fare

Per evitare di peggiorare ancora di più l’aspetto dei capelli, meglio evitare cosmetici aggressivi e trattamenti stressanti come l’uso di piastre e arricciacapelli, tinte e decolorazioni. Attenzione anche a come si tamponano i capelli dopo averli lavati e a come vengono spazzolati e asciugati. Dopo aver lavato i capelli sarebbe meglio non sfregare con forza l’asciugamano tra le ciocche ma avvolgerlo semplicemente sulla testa come un turbante per alcuni minuti per assorbire l’acqua in eccesso.

I capelli non andrebbero poi pettinati o spazzolati quando sono ancora bagnati perché questo danneggia la cuticola facendola sollevare e rendendo il capello più vulnerabile e debole. Inoltre,
per pettinare i capelli bisogna utilizzare delicatezza, scegliendo il pettine o la spazzola giusti per il proprio tipo di capelli. Chi è riccia userà un pettine a denti larghi mentre chi li ha lisci potrà usare una buona spazzola. Per stimolare la crescita dei capelli, questi andrebbero spazzolati abbastanza a lungo e non in modo frettoloso, così da stimolare la circolazione e facilitare il nutrimento verso i bulbi. In fase di asciugatura dei capelli, il phon andrebbe tenuto a debita distanza, non eccessivamente vicino e non alla massima potenza, perché il calore danneggia ancora di più i capelli già provati da sole e mare.

Rimedi naturali

Grazie ad alcuni rimedi naturali è possibile riparare in parte ai danni subiti dai capelli migliorandone l’aspetto generale, evitare che la situazione peggiori e stimolare la crescita di nuovi capelli più forti e belli.

Avocado

L’avocado è un frutto esotico molto apprezzato in cucina ma utile anche per la bellezza. Questo frutto contiene infatti buone quantità di grassi con azione emolliente, in grado di ammorbidire pelle e capelli. Per usare l’avocado sui capelli è sufficiente schiacciare con una forchetta un avocado ben maturo e distribuirlo su tutta la chioma dalla radice alle punte. Dopo aver lasciato in posa per circa mezzora si risciacquano i residui con acqua e con uno shampoo delicato.

Olio d’oliva

L’olio d’oliva si trova in tutte le nostre cucine ed è un prezioso ingrediente sia a tavola che in cosmesi. Per migliorare l’aspetto dei capelli si può applicare puro sulle punte, lasciare in posa per trenta minuti e rimuovere con acqua e shampoo delicato. Per un’azione più potente, si può invece inserire l’olio di oliva in una maschera con uovo e miele. Per prepararla servono:

  • un tuorlo d’uovo
  • un cucchiaio di miele
  • un cucchiaino di olio di oliva

Dopo aver mescolato gli ingredienti, si applica sui capelli bagnati, si lascia agire per mezzora e si risciacqua con la normale detersione.

Olio di cocco

Un altro ingrediente ottimo per i capelli è l’olio di cocco. Lo si può usare puro sui capelli oppure mescolato con cera di jojoba. Trattandosi di un olio, ovviamente ha lo svantaggio di ungere molto i capelli, dunque è bene utilizzarlo solo sulle punte e in piccolissime quantità, altrimenti in fase di lavaggio dei capelli si rischia di rovinarli ulteriormente sfregandoli in modo eccessivo per rimuovere il prodotto. Dopo averlo applicato va lasciato in posa per circa mezzora e poi eliminato con acqua e shampoo.

Gel d’aloe

Anche il gel d’aloe può aiutare a migliorare l’aspetto dei capelli: basta applicarne una piccola quantità sulle ciocche. Il gel d’aloe non unge e non appesantisce e può essere utilizzato anche per modellare i capelli, lasciandolo così in posa per diverse ore. In alternativa, lo si può eliminare dopo circa mezzora con acqua tiepida.

Semi di lino

I semi di lino hanno proprietà per i capelli simili al gel d’aloe poiché ricchi di mucillagini. Sui capelli si utilizzano mettendone un cucchiaio raso in un bicchiere d’acqua e lasciando riposare per un’ora o più. Trascorso questo tempo si sarà formato un gel da applicare sui capelli allo stesso modo del gel d’aloe.

Aceto di mele

L’aceto è un ingrediente naturale in grado di richiudere la cuticola dei capelli, migliorandone l’aspetto. Per i capelli si utilizza aceto di mele, aggiungendone uno o due cucchiai ogni litro di acqua, da usare poi per il risciacquo finale dei capelli dopo la detersione. Si tratta di un rimedio naturale d’emergenza per capelli crespi ma non bisogna abusarne poiché le applicazioni eccessive potrebbero seccare ancora di più i capelli.