L’asciugatura perfetta in base al tipo di capello

Chi li ha ricci li vuole lisci e viceversa, ma non se sai come asciugare i capelli in maniera perfetta in base al tuo tipo di capello

Foto di Camilla Cantini

Camilla Cantini

Makeup artist, beauty editor, content creator

Makeup Artist, Beauty Editor e Content Creator, Camilla ha una visione del mondo beauty a 360°: da insider e da appassionata, da addetta ai lavori e da consumatrice.

“Non esistono capelli brutti, esistono solo capelli asciugati male”. Non era proprio così la citazione originale, ma è comunque una verità: l’importante è capire qual è l’asciugatura perfetta in base al tipo di capello. Come asciugare i capelli ricci, l’asciugatura per capelli lisci, come asciugare i capelli per evitare il crespo ma anche i tipi di asciugatura per i capelli corti. Nessun segreto, solo tecniche diverse e consigli per ottenere il massimo dai propri capelli e imparare ad amarli così come sono.

Cosa fare prima di asciugare i capelli per un risultato perfetto

Il modo coretto per lavare i capelli prima di asciugarli

Per facilitare l’asciugatura di ogni tipo di capello bisogna partire dalla fase di lavaggio e pre-asciugatura. Innanzitutto, in base alla tipologia di capello è importante scegliere il giusto shampoo e balsamo. Per capelli spessi o crespi meglio usare uno shampoo disciplinante, per capelli lisci o corti l’ideale è invece uno shampoo leggero e volumizzante. Il balsamo, per qualsiasi tipologia di capello, si applica solo sulle lunghezze e, nel caso di capelli particolarmente secchi, crespi o ricci, si passa anche sulla cute solo ciò che rimane sulle mani, senza aggiungere altro prodotto.

Importantissima, però, è la fase del risciacquo: se non si sciacquano bene i capelli da shampoo e balsamo, infatti, risulteranno appesantiti, si sporcheranno prima e sarà più difficile asciugarli. Per capire se si sono sciacquati bene i capelli, basta guardare se passando il getto d’acqua si formano delle bollicine: se i capelli saranno ben sciacquati, non ci sarà traccia. Un altro indizio è al tatto: toccando i capelli si deve sentire un po’ di attrito e una specie di scricchiolio, un suono simile a quando passi le dita sulla superficie dopo aver lavato i piatti.

Come tamponare i capelli per evitare l’effetto crespo

Una volta sciacquati correttamente, bisogna eliminare l’eccesso d’acqua in modo che l’asciugatura dei capelli risulti più veloce e non diventino troppo crespi. Assolutamente vietato frizionare i capelli energicamente, perché questo aumenterebbe la carica elettrostatica e ne alzerebbe le squame, elettrizzando la chioma e rendendola ispida. L’ideale sarebbe tamponare i capelli con un asciugamano in microfibra, che elimina l’eccesso d’acqua e assorbe l’umidità, evitando l’effetto crespo. Per i capelli ricci o mossi, ancora meglio utilizzare una vecchia t-shirt in cotone con cui tamponare e avvolgere i capelli.

Prima dell’asciugatura, scegli i giusti prodotti per lo styling

Prima di procedere all’asciugatura perfetta per ogni tipologia di capello, ricordati che i prodotti di styling svolgono un ruolo fondamentale e sono di grande aiuto. Facilitano l’asciugatura, l’importante è imparare a sceglierli e applicarne la giusta quantità. Sicuramente, se userai il phon per asciugare i capelli, è fondamentale applicare un termoprotettore per proteggerli dalle alte temperature ed evitare che si rovinino. 

Se hai i capelli lisci, utilizza uno spray idratante e dall’effetto disciplinante, in modo da scongiurare il crespo e mantenerli più lisci. Per capelli sottili e piatti l’ideale è uno spray volumizzante, da vaporizzare principalmente sulle radici per dare maggiore corpo. Per i capelli ricci e mossi esistono creme e gel per creare il riccio, definirlo e sostenerlo, per far sì che risultino elastici e farli durare più a lungo. Per i capelli corti, invece, utilizza uno spray lisciante o volumizzante a seconda che tu voglia un effetto più disciplinato o spettinato e, solo a fine asciugatura, utilizza gel e cere per modellare le ciocche.

Come asciugare capelli ricci e mossi 

Per avere ricci belli e definiti è importante imparare la giusta asciugatura capelli ricci, per averli morbidi, definiti e soprattutto non crespi. Prima di procedere all’asciugatura vera e propria è importante eliminare l’eccesso d’acqua con una maglietta di cotone, con cui tamponare i capelli e avvolgerli. Applica poi un olio idratante o un siero e una crema per definire i ricci, pettinando i capelli con le dita o con un pettine di legno a denti larghi per distribuire bene il prodotto. A questo punto, per asciugare i capelli ricci in maniera più definita, arrotola le ciocche con le dita e poi utilizza la tecnica dello scrunching, che consiste nel compiere un movimento dal basso verso l’alto come se tu volessi accartocciare i capelli. Procedi poi ad asciugare i capelli senza toccarli o stringere le ciocche ma utilizzando un diffusore. Raccogli i capelli nel diffusore e asciugali a testa in giù per avere maggior volume, poi continua l’asciugatura a testa in sù, muovendo il diffusore dal basso verso l’alto.

Un’altra tecnica di asciugatura capelli mossi o ricci, o meglio passaggio, che puoi usare soprattutto se vuoi dare maggior volume alle radici o se hai capelli molto lunghi, spessi e pesanti, è quella del clipping. Dopo averli tamponati, suddividi i capelli in ciocche e poi pinzale alla radice con dei becchi d’oca. In questo modo riuscirai a volumizzare i capelli anche alla radice, evitando così un effetto di riccio piatto sopra e voluminoso sotto. Procedi poi con lo scrunghing e asciuga i capelli ricci con un diffusore, prima le radici e poi le lunghezze, raccogliendo i ricci nel diffusore e muovendolo dal basso all’alto, senza toccare i capelli o stringerli con le mani.

Se invece non vuoi usare il phon ma ottenere comunque ricci definiti, la tecnica per te è il plopping. Appoggia una vecchia t-shirt di cotone su un piano, mettiti a testa in giù sopra la maglietta e poggia i capelli al centro, finché la testa non toccherà il piano. Chiudi la maglietta per creare un turbante e lega le maniche dietro la nuca per tenerlo fermo. A questo punto non ti resta che aspettare un’oretta o finché i capelli non saranno asciutti, sciogliere il turbante e goderti i tuoi ricci perfetti, definiti e non crespi.

Asciugatura capelli lisci: come ottenere un liscio perfetto

Asciugare i capelli lisci è più facile che asciugare capelli mossi o ricci, ma solo se li hai naturalmente liscissimi, altrimenti è utile conoscere qualche consiglio per ottenerli morbidi, luminosi ed evitare l’effetto crespo o se vuoi dare maggior volume, perché non vuoi un liscio piatto. Applica uno spray disciplinante o lisciante se non hai capelli perfettamente lisci, altrimenti utilizza uno spray volumizzante.

Nel primo caso, per asciugare i capelli lisci e appiattire le radici, è fondamentale utilizzare il phon con l’apposita bocchetta. Imposta una temperatura non troppo alta per non rovinare i capelli, perché dovrai poggiare il phon alle radici e, aiutandoti con una spazzola, trascinare il phon verso il basso evitando così di gonfiare le radici. Dividi i capelli in sezioni, partendo da quelle sotto fino ad arrivare a quelle superiori e frontali. A capelli perfettamente asciutti, poi, puoi passare la piastra per ottenere un liscio davvero perfetto e duraturo.

Se invece non vuoi asciugare i capelli lisci ottenendo un effetto troppo piatto, dovrai aiutarti co una spazzola tonda. Anche in questo caso dividi i capelli in ciocche, arrotolale sulla spazzola tonda e asciugale con il phon, facendo attenzione a non incastrare i capelli. In ogni caso, come tocco finale passa il getto di aria fredda, in modo da rendere i capelli più lucidi.

Asciugare i capelli corti per un effetto spettinato o ordinato

I tagli di capelli corti necessitano sicuramente di una minore manuteizione e sono più facili e veloci da asciugare, soprattutto se si opta per un taglio ed un’asciugatura capelli corti spettinata. In questo caso si possono asciugare i capelli corti al naturale o ricorrere al phon. Per un effetto messy, passa il phon velocemente per creare volume e asciugare bene le radici, ma prima applica un prodotto idratante e un termoprotettore per proteggere i capelli dal calore. Utilizza una temperatura più alta e la massima velocità, ma lasciali appena umidi, in modo da poter modellare le ciocche a tuo piacimento con un gel o una cera per creare l’effetto che più ti piace.

Se invece hai optato per un pixie cut o un bowl cut, l’asciugatura deve essere più precisa, per mantenere le linee geometriche del taglio. Prepara sempre i capelli con un termoprotettore e applica un prodotto lisciante e disciplinante. Asciuga i capelli aiutandoti anche con una spazzola di piccole dimensioni, poggiando la bocchetta piatta del phon per non creare volume alle radici. Con la piastra, poi, ultima lo styling per appiattire ulteriormente i capelli o renderli più lisci. Per un taglio corto e riccio, invece, torna protagonista il diffusore, impostando il phon con velocità e temperatura bassa. Anche in questo caso lascia i capelli appena umidi e arrotola e modella le ciocche con una cera per definire ancora di più i ricci.

Asciugatura capelli crespi per evitare l’umidità

Sia i capelli lisci che ricci, i capelli lunghi o corti possono incorrere nel temutissimo effetto crespo. Per evitarlo è importate usare un prodotto di styling anticrespo da applicare prima di asciugare i capelli crespi. Nel caso di capelli ricci, utilizza anche una crema modellante e un gel che sostenga il riccio, a capelli ancora umidi. Asciugali poi con il diffusore a bassa velocità e a temperatura media, ma ricordati di non toccarli mai con le mani per evirare di smontare il riccio e, appunto, di renderlo crespo. Importante poi non applicare altro prodotto, specie se gel, a capelli asciutti, perché questi rimarrebbero attaccati alle dita rovinando il riccio e creando il crespo. Nei giorni successivi, per ravvivarli, inumidisci le mani e applica il prodotto, poi passa il diffusore per eliminare l’umidità, nemica numero uno dell’effetto crespo.

Anche i capelli lisci possono essere crespi, soprattutto se non sono naturalmente “liscio spaghetto”. Cerchi di asciugare i capelli crespi lisci con il phon e sono gonfi e ruvidi al tatto? La tua alleata in questo caso è una spazzola, con cui disciplinare e lisciare i capelli, aiutandoti con la bocchetta piatta del phon per evitare un effetto troppo vaporoso e gonfio. Anche in questo caso applica un termoprotettore e un prodotto anticrespo, per aiutarti nell’asciugatura dei capelli crespi. Una volta asciutti se vuoi potrai passare la piastra per renderli ancora più lisci e piatti e anche applicare un olio per lucidarli e tenere a bada i baby hair, ovvero i piccoli capelli in crescita che si alzano in cima alla testa.

Un consiglio in più: non dimenticarti, poi, che per evitare l’effetto crespo, una federa in seta per dormire riduce l’attrito e lo sfregamento dei capelli, oltre che avere effetti benefici anche sulla pelle.