Aceto di mele: proprietà, benefici e controindicazioni

L’aceto di mele è un rimedio naturale economico ma efficace per diversi disturbi di salute e per la bellezza di pelle e capelli

Tatiana Maselli Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Proprietà

L’aceto di mele è un prodotto naturale utilizzato come condimento in cucina e come rimedio popolare per numerosi disturbi di salute, per la bellezza e il benessere in generale. È ottenuto attraverso un processo di fermentazione del sidro di mele, in cui lieviti e batteri producono alcool dagli zuccheri della frutta e, successivamente, trasformano l’alcool in acido acetico, principale componente dell’aceto. Proprio per via della presenza di acido acetico, l’aceto di mele risulta aspro al gusto anche se il suo sapore è decisamente più delicato rispetto ad altri tipi di aceto.

L’aceto contiene anche piccole quantità di potassio, amminoacidi, sostanze antiossidanti e residui della madre dell’aceto, che conferisce un aspetto torbido al prodotto. La madre è una sostanza costituita da proteine enzimi e batteri benefici e, insieme all’acido acetico, è responsabile delle proprietà dell’aceto di mele. All’aceto di mele sono infatti attribuite attività antibatteriche, digestive, antidiabetiche, ipocolesterolemizzanti e dimagranti.

Oltre che per uso interno, l’aceto di mele è utilizzato anche esternamente per la cura e la bellezza di pelle e capelli.

Benefici

L’aceto di mele è attivo contro batteri e altri organismi patogeni. Per questo motivo, è utilizzato per la conservazione dei cibi fin dai tempi antichi, ma anche per disinfettare ferite ed escoriazioni, ed eritemi e ridurre le impurità della pelle che portano alla formazione di punti neri e brufoli. L’uso topico di aceto di mele, opportunamente diluito in acqua, è utile anche in caso di pelle secca e disidratata, scottature solari, irritazioni cutanee, macchie scure della pelle, eczema, pori dilatati.

Assunto per via orale, invece, l’aceto di mele sembra anche un rimedio utile in caso di digestione difficile poiché aumenta l’acidità dello stomaco favorendo la digestione di pasti ricchi di proteine. Tra i benefici dell’aceto di mele c’è anche quello di riuscire a ridurre i livelli di zucchero nel sangue e di migliorare l’insulino-resistenza che caratterizza il diabete. Le persone che soffrono di questa patologia potrebbero dunque ottenere benefici consumando aceto di mele durante i pasti che prevedono carboidrati. Oltre a regolare la glicemia, l’aceto di mele può anche favorire la salute dell’apparato cardiovascolare riducendo la pressione sanguigna e i livelli ematici di colesterolo e trigliceridi, fattori di rischio per le malattie cardiache. Ovviamente consumare aceto di mele non può da solo ridurre la glicemia, il colesterolo e i trigliceridi, ma potrebbe contribuire a farlo se si segue un’alimentazione equilibrata e uno stile di vita sano.

Le persone sovrappeso o obese possono poi ottenere benefici dal consumo regolare dell’aceto di mele poiché questo prodotto sembra aumentare il senso di sazietà, riducendo l’introito di cibo durante i pasti e di conseguenza diminuendo le calorie in entrata. Chiaramente, come nel caso di diabete, glicemia elevata, livelli fuori norma di colesterolo e trigliceridi, anche per perdere peso non è sufficiente inserire l’aceto nella propria alimentazione ma occorre seguire un regime alimentare ipocalorico cui associare una costante attività fisica, possibilmente facendosi seguite da una/un nutrizionista o altro professionista competente.

Infine, il consumo di aceto di mele può giovare anche alle ragazze e alle donne che soffrono della sindrome dell’ovaio policistico. Sembra infatti che l’aceto di mele, assunto regolarmente, sia in grado di regolare i livelli ormonali e migliorare i sintomi di questa malattia.

Come usarlo

Il modo migliore per assumere l’aceto di mele è probabilmente quello di inserirlo nella propria dieta quotidiana come condimento. L’aceto di mele può infatti essere utilizzato per condire verdure crude o cotte e insalate, preparare salse in agrodolce e maionese, sia nella versione tradizionale sia nella versione vegana senza uova.

Oltre che come condimento, però, l’aceto di mele può essere usato come vero e proprio rimedio naturale, assumendolo nel corso della giornata e in modo costante. Ad esempio, per migliorare la digestione, ridurre la glicemia, il colesterolo e i trigliceridi e per velocizzare la perdita di peso, l’aceto di mele va assunto subito prima dei pasti, diluendone uno o due cucchiai (da 15 a 30 millilitri) in un bicchiere di acqua. Si invece si vogliono ridurre i sintomi legati alla sindrome dell’ovaio policistico, si può provare ad assumere aceto di mele dopo cena, diluendone circa 15 millilitri (un cucchiaio) in mezzo bicchiere di acqua.

Molte persone consumano abitualmente aceto di mele anche in assenza di disturbi specifici, per favorire il benessere generale. In questo caso, si utilizza un cucchiaino di aceto di mele per ogni bicchiere d’acqua, cui aggiungere un cucchiaino di miele. La bevanda va semplicemente consumata nel corso della giornata, al mattino a digiuno, prima o durante i pasti, per favorire la digestione, contribuire alla salute generale e per mantenere più facilmente il proprio peso ideale.

Per la bellezza della pelle e dei capelli, invece, l’aceto di mele si utilizza esternamente sempre diluito in acqua. Diluendo un cucchiaio in mezzo bicchiere di acqua si ottiene ad esempio un tonico viso purificante e astringente che aiuta ad alleviare irritazioni cutanee e disturbi della pelle e che favorisce la chiusura dei pori della pelle dopo la pulizia del viso. Una soluzione preparata con due-tre cucchiai di aceto di mele in mezzo litro d’acqua è utile poi per il risciacquo finale dei capelli dopo lo shampoo, perché aiuta a chiudere le squame del capello rendendo i capelli più lucidi e morbidi. Poiché però l’uso frequente tende a seccare i capelli, è bene utilizzare questo rimedio solo saltuariamente.

Controindicazioni

L’aceto di mele è un prodotto sicuro ma, come qualsiasi sostanza, è bene non abusarne. Ad alti dosaggi o se usato per periodi prolungati, infatti, l’aceto di mele potrebbe intaccare lo smalto dei denti, ridurre i livelli di potassio e la densità delle ossa o provocare problemi gastrici come nausea, reflusso gastroesofageo e aerofagia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aceto di mele: proprietà, benefici e controindicazioni