Kamasutra: cos’è, etimologia, storia e contenuto

Tutto quello che devi sapere sul Kamasutra, il vero e originale Libro dell'Amore

Foto di Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cos’è

Chi non ha mai sentito parlare di Kamasutra, il Libro dell’Amore per eccellenza? In pochi, però, sanno con esattezza di che cosa si tratta e, troppo spesso, lo confondono con un banale manuale sull’erotismo in cui sono elencate le posizioni per fare sesso. Il kamasutra è invece un testo molto antico e rappresenta una tra le più importanti opere di poesia sanscrita. Si tratta di una raccolta di testi che hanno l’obiettivo di educare alla sessualità e all’amore, insegnando come comportarsi nel corteggiamento e nella relazione di coppia, ma anche come raggiungere l’armonia della persona attraverso la spiritualità, la cura di propri affari e l’amore.

Il titolo originale dell’opera è Aforismi sull’amore di Vatsyayana e, all’interno della raccolta dei sette libri che la compongono, vengono affrontati temi legati al benessere e ai modi per raggiungerlo, allontanandosi dalle cose materiali per avvicinarsi al bello e al piacere. Solo una sezione del Kamasutra è dedicata al piacere in senso stretto, alle tecniche amatorie e alle posizioni nel sesso. In questa parte del testo, la più famosa, il Kamasutra descrive ogni aspetto del sesso, dai baci alla penetrazione, dai preliminari all’orgasmo, e illustra otto modi di fare l’amore o “arti” moltiplicati per otto posizioni differenti per un totale di 64 posizioni, chiamate con nomi di animali.

I nomi di animali vengono anche utilizzati per descrivere e distinguere uomini e donne in base all’intensità e alla forza del loro desiderio, al loro modo di fare l’amore e alle dimensioni degli organi genitali, definendone le compatibilità e incompatibilità.

Etimologia e storia

Il termine Kamasutra (dal sanscrito: कामसूत्र) deriva dalle parole Kāma e Sūtra , che significano “amore” e “regola”. Il significato del titolo del testo indiano rimanda dunque alle regole da seguire in amore. Il titolo completo è Vātsyāyana Kāma Sūtra (“Aforismi sull’amore, di Vatsyayana”). Nella cultura classica hindu, l’amore (Kama) è uno dei quattro obiettivi, insieme al benessere fisico ed economico (Artha), all’etica e alla morale (Dharma) e alla liberazione dal mondo materiale (Moksa), a cui l’uomo deve ambire per raggiungere la piena realizzazione di sé.

L’autore del Kamasutra è il filosofo indiano Mallanaga Vatsyayana e il testo risale a un’epoca compresa tra il I e il VI secolo. Si pensa che il Kamasutra non sia un’opera scritta da Vatsyayana, ma che il filosofo si sia limitato a raccogliere i contenuti di altre opere e a rielaborarli, aggiungendo storie e tradizioni della cultura popolare indiana, trasmesse oralmente.

Contenuto

Il Kamasutra si compone di 36 capitoli suddivisi in sette libri, a loro volta divisi in 64 parti. La sezione dell’opera in cui vengono elencate le posizioni nel sesso è sicuramente la più conosciuta e, per questo, viene spesso scambiata per l’intera opera. In realtà, la maggior parte del libro dispensa consigli su come comportarsi nella società e su come raggiungere il proprio benessere e descrive le relazioni fra uomini e donne. Nello specifico, i sette libri o capitoli del Kamasutra trattano:

  1. Osservazioni generali. Il primo libro è costituito da cinque capitoli suddivisi in sei parti e si concentra sull’importanza dell’amore nella vita di uomini e donne.
  2. Sull’unione sessuale. Costituito da dieci capitoli divisi in diciassette parti, il secondo libro descrive l’arte del bacio, i preliminari, l’orgasmo, tratta temi relativi a sesso orale, ménage à trois e comportamenti sessuali. In questa parte sono elencate le 64 posizioni sessuali che hanno reso celebre il Libro dell’Amore in tutto il mondo.
  3. Sull’acquisizione di una moglie/Le vergini. Nei cinque capitoli divisi in nove sezioni, il terzo libro descrive il corteggiamento delle ragazze ancora vergini e la ricerca della donna da sposare.
  4. Le mogli. Diviso in due capitoli e otto sezioni, il quarto libro si concentra sul comportamento ritenuto opportuno per le mogli.
  5. Le mogli altrui. Nel quinto libro, costituito da sei capitoli suddivisi in undici sezioni, l’autore tratta l’argomento dell’arte della seduzione.
  6. Le cortigiane. Il sesto libro, diviso in sei capitoli e nove sezioni, dispensa consigli su come trovare un’amante, tenerla con sé, lasciarla e mantenere un rapporto di amicizia una volta che la passione si è definitivamente spenta.
  7. Sui mezzi per attrarre gli altri a qualcuno/L’erotismo esoterico. L’ultimo libro è costituito da due capitoli suddivisi in sei parti e descrive come migliorare la propria attrazione sugli altri e ravvivare la potenza sessuale indebolita.

L’Amore secondo il Kamasutra

L’amore, il desiderio, la passione e il sesso descritti nel Kamasutra seguono la stessa concezione di amore e desiderio della cultura indiana: il sesso è a tutti gli effetti un’unione divina e in quanto tale va goduto nella sua essenza più intima e non in modo frivolo. Il Kamasutra in questo senso è una guida al piacere e al godimento sessuale come parte fondamentale dell’esistenza umana, per la realizzazione di sé e per il proprio benessere. Il testo ovviamente descrive comportamenti, dinamiche di coppia e pratiche sessuali dell’India dell’epoca e, sebbene in alcune sue parti sia ancora attuale, ai nostri occhi risulta superata la visione della figura femminile che emerge dall’opera.