Preliminari: cosa sono, perché sono importanti e come muoversi

I preliminari fanno parte del linguaggio comune in tema di sesso, spesso pensati prima della penetrazione. Cambiamo prospettiva?

Cristina Critelli Ginecologo, Sessuologo e Psicoterapeuta Dal 2000 si occupa di disfunzioni sessuali, in particolare di dolore sessuale e vaginismo, con un approccio integrato, utilizzando anche EMDR.

Che cosa sono?

Sentiamo parlare di preliminari da quando ci avviciniamo al sesso, spesso sono la prima cosa attraverso cui ci si avvicina alla sessualità a due, si sperimenta. Siamo abituati a pensare che i preliminari siano tutto quello che precede la penetrazione vaginale o anale, ma possiamo anche cambiare prospettiva e ampliare la varietà concentrandoci su un concetto di piacere più ampio e non finalizzato esclusivamente all’orgasmo. In quest’ottica i preliminari diventano tutto quello che ci piace fare prima durante e dopo la penetrazione, penetrazione che può esserci o si può decidere di non avere; fuori da una visione in cui rapporto sessuale equivale a penetrazione.

A questo punto dire che cosa sono i preliminari è riduttivo, tutto quello che piace, tutto quello che serve per avere piacere esplorando il proprio corpo e quello dell’altro, quello che suscita curiosità e si vuole sperimentare e condividere con l’altro. Ampliare il concetto di piacere come localizzato solo ai genitali; il piacere è stare bene, sentirsi a proprio agio, sentire di essere in sintonia con il partner e con quello che stiamo facendo. Provare piacere non vuol dire avere un orgasmo; un’esperienza sessuale può essere estremamente piacevole pur senza dare una risposta orgasmica, così come può succedere il contrario.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Preliminari: cosa sono, perché sono importanti e come muoversi