Ti ecciti quando senti le parolacce? Potrebbe essere erotolalia

Come vivi le parolacce durante il sesso? Dire o sentire oscenità può essere molto eccitante per qualcuno. Perché accade e cosa dice la scienza a riguardo

Foto di Giulia Farsetti

Giulia Farsetti

Giornalista e Sex Editor

Giornalista e Social Media Manager, da sempre ama scrivere, creare contenuti e raccontare storie. Da anni studia e scrive di benessere e sessualità. Gestisce diversi profili social e, da brava Vergine, adora organizzare tutto alla perfezione… Con immancabili evidenziatori colorati!

L’erotolalia consiste nell’eccitarsi sentendo parolacce rivolte a se stessi o agli altri. Per chi ama questo tipo di pratica, l’eccitazione aumenta più la parolaccia è pesante e detta con enfasi. Se entrambi i partner si eccitano in questo modo e durante i loro incontri si scambiano parolacce, non c’è nessun problema o criticità, al contrario, se questa pratica diventa fastidiosa per uno dei due, morbosa o l’unico modo per eccitarsi, potrebbe essere consigliabile un consulto psicologico.

Perché ci eccitiamo con le parolacce? Cosa dice la scienza

Le parolacce nella sfera sessuale vengono apprezzate soprattutto da chi lavora molto o è particolarmente stressato, ritrovando in questa pratica un gioco erotico liberatorio. Quando si lavora molto e sotto pesanti carichi di stress, il corpo produce un ormone chiamato cortisolo (l’ormone dello stress), che tende ad abbassare il desiderio sessuale.

Sentire parolacce, al contrario, può accendere fantasie ed eccitazione, provocando nel Sistema Nervoso Centrale il rilascio degli ormoni sessuali che hanno un effetto inverso rispetto all’ormone dello stress. Ovviamente, quando lo stress dovuto al lavoro o eventuali traumi del passato sono ingenti, questa diventa una patologia che è giusto affrontare con gli psicologi che sapranno trovare le cause di questo desiderio. Se, al contrario, è semplicemente un modo per sperimentare la sessualità con il partner ed eccitarsi insieme anche grazie all’uso di parolacce, non c’è motivo né di intervenire con una terapia né di sentirsi a disagio: semplicemente create la vostra normalità di coppia, sperimentate e divertitevi.

Dirty talk: cosa c’è di diverso dalla erotolalia

Tra dirty talk, letteralmente “chiacchiere sporche”, ed erotolalia non si ci sono differenze sostanziali: alla base c’è l’eccitazione sessuale con parole e frasi sessualmente spinte e oscene. Il dirty talking può avvenire nel sexting, per esempio, attraverso lo scambio di messaggi espliciti oppure durante l’atto sessuale o i preliminari, con l’uso di parole forti o di frasi esplicite a sfondo erotico; l’erotolalia è composta da una o più frasi con oscenità sessuali, utilizzate per aumentare il piacere durante il rapporto sessuale.

Parolacce, desideri proibiti, fantasie erotiche: il dirty talking sono parole, frasi e affermazioni spinte e spesso anche offensive che si rivolgono all’altra persona o l’altra persona rivolge a te durante il sesso. È fondamentale chiedere il consenso prima, per sapere fino a che punto ci si può spingere con le parolacce e offese, o chiedere, se ci piace, che l’altra persona lo faccia, in modo erotico e non imbarazzante. Oltre a sentire la parolaccia in sé è importante inserirla in un contesto adeguato (come, ad esempio, il sesso orale) e detta con un tono di voce sensuale e spinto. Dire o sentire oscenità per qualcuno può essere molto eccitante, quindi è sempre bene ascoltare e ascoltarsi, per trovare il giusto equilibrio e vivere l’esperienza sessuale in modo piacevole.

Dirty talk: consigli per provare

Ci sono delle frasi e delle parole che aumentano il battito cardiaco e l’eccitazione, che sono ricche di passione e desiderio. Ovviamente ogni coppia deve sperimentare il proprio modo di parlare “sporco” per scoprire i limiti e i confini dentro i quali stare per provare eccitazione senza imbarazzo o irritazione nell’altra persona. Ecco quindi qualche consiglio per iniziare a giocare e sperimentare con le parole:

  • Confidenza: questo aspetto è molto soggettivo. Puoi sentirti a tuo agio a dire parolacce durante la prima volta, ma tendenzialmente è qualcosa che si sviluppa nel tempo, grazie alla confidenza e all’intimità. Questo avviene, tendenzialmente, perché essendo una pratica sessuale un po’ al limite e non molto comune potrebbe creare imbarazzo nell’uno o nell’altra. In ogni caso, se si ha desiderio di provare a dire parolacce all’altra persona durante un rapporto sessuale o un rapporto orale, è sempre meglio chiedere, almeno la prima volta.
  • Via libera alle fantasie: condividere con il partner determinati pensieri è sinonimo di grande fiducia, ma anche di voglia di stupire l’altro e se stessi con frasi e desideri intimi. Lasciati andare: se vuoi esplorare il mondo delle parolacce e dei pensieri spinti durante il sesso, lascia uscire il tuo lato più animalesco e non pensare ai tabù imposti dalla società o da se stessi.
  • Hai provato con il sexting?: questa pratica erotica è un modo per iniziare a prendere confidenza con parole e frasi piccanti. Inizia condividendo con il tuo partner fantasie sessuali, qualche desiderio e scrivilo nei messaggi: in questo modo potrai scoprire se frasi esplicite possono eccitarti, così poi da provare anche nella realtà.

La trasgressione nella sessualità: cosa significa?

Esistono vari modi di approcciarsi alla sessualità, che possono anche cambiare nel corso degli anni: si può aver voglia di sperimentare cose diverse o provare giochi insoliti durante il rapporto sessuale. Nuove pratiche o posizioni sono un modo per giocare e non lasciare che il rapporto, soprattutto dopo vari anni, si appiattisca in una normalissima routine: proprio per questo si può decidere di dare una ventata di novità nella sessualità con il proprio partner.

Aver voglia di trasgredire nel sesso è normale, piacevole e divertente, ma cosa s’intende per trasgressione a letto? Significa fare cose insolite, che vanno oltre la posizione del missionario o i classici gemiti, andando alla scoperta di una sessualità più “spinta” e libera da gabbie mentali e sociali. Ovviamente questo non significa snaturarsi o sforzarsi di essere qualcosa che non siamo, ma solo provare a essere più liberi e fantasiosi, se è quello che ci ispira. Le dirty talk rientrano in questa trasgressione. Ognuno ha un limite soggettivo e ogni coppia sperimenta il proprio per provare piacere in modo diverso e più “hot”: l’importante è prendere le decisioni insieme, condividerle e rispettarsi.

 

Fonti

Tell Me What You Want – Psycology Today