Masturbarsi insieme: perché fa bene alla coppia e come vincere la timidezza

La masturbazione insieme può essere uno dei giochi da fare per ricentrare il sesso sul piacere e la condivisione e nutrire intimità e complicità

Cristina Critelli Ginecologo, Sessuologo e Psicoterapeuta Dal 2000 si occupa di disfunzioni sessuali, in particolare di dolore sessuale e vaginismo, con un approccio integrato, utilizzando anche EMDR.

Perché si ci masturba

La masturbazione rappresenta spesso il primo passo attraverso cui uomini e donne sperimentano la sessualità, l’inizio del viaggio alla scoperta della sessualità. I bambini e le bambine già intorno a un anno d’età cominciano a sentire che toccare il proprio corpo è piacevole, toccarsi è un modo di conoscersi e definirsi. Nell’infanzia questa attività non ha caratteristiche sessuali, non è il piacere sessuale la finalità, quanto soprattutto l’esplorazione. Successivamente, verso i 9-10 anni invece si aggiunge una dimensione di piacere che è più sessuale.

I modi che maschi e femmine utilizzano sono diversi, per le bambine si tratta spesso di una stimolazione indiretta attraverso stringere le gambe, strofinarsi contro qualcosa, per i maschi la modalità è più diretta. Quando poi sopraggiunge la pubertà, le modificazioni corporee, emotive e ormonali spingono la maggior parte degli adolescenti maschi e femmine a masturbarsi.

Mentre la masturbazione maschile è sempre stata ritenuta più scontata, quella femminile è sicuramente un aspetto che viene preso più recentemente in considerazione, ma sicuramente non marginale. Uomini e donne si masturbano, si danno piacere da soli e continuano a farlo per lunghi periodi. Tutto questo è assolutamente normale e fisiologico, non c’è nulla di anormale né di patologico. Anche durante la vita di coppia, la masturbazione continua e questo non vuol dire che ci sia qualcosa che non va nella sessualità insieme.

Perché fa bene alla coppia

Una soddisfacente vita sessuale all’interno della coppia, pur non essendo l’unico fattore, rappresenta sicuramente un collante importante, è il terreno in cui vengono portati vissuti personali e relazionali che possono aiutare o condizionare la sessualità.

La masturbazione reciproca e la masturbazione insieme, vengono da tempo utilizzati anche nel trattamento delle disfunzioni sessuali. Effettivamente masturbarsi insieme può rappresentare una buona occasione per aumentare l’intimità, per ridurre le distanze e per comprendere meglio il funzionamento dell’altro e di sé stessi. Ci si conosce anche attraverso l’altro, e attraverso la masturbazione insieme si può imparare molto del proprio funzionamento erotico e psicologico. Ci si può scoprire timidi e vergognosi o sorprendentemente disinibiti, nell’uno o nell’altro caso si aggiungono delle informazioni utili sul proprio modo di vivere il sesso.

Essere in intimità con l’altro non significa essere nudi davanti all’altro o toccarsi mentre il partner fa lo stesso o osserva; significa anche lasciarsi conoscere nella parte più segreta e più nascosta di sé stessi, mostrarsi; per far questo è necessario che ci sia fiducia nell’altro, complicità, una buona capacità di comunicare e di lasciarsi andare. Anche desideri e fantasie sessuali possono essere condivise e possono amplificare la complicità di coppia.

Altro aspetto importante della sessualità è la centralità della penetrazione: la masturbazione è vista come una fase di passaggio per arrivare alla penetrazione, questo in alcuni casi, soprattutto nei casi in cui si ravvisano difficoltà sessuali, sposta il focus e dal divertimento e gioco la finalità diventa esclusivamente la penetrazione. In questi casi la masturbazione insieme, senza altro obiettivo se non darsi piacere, può essere uno dei giochi da fare per ricentrare il sesso sul piacere e sulla condivisione piuttosto che sulla penetrazione.

Per riassumere quindi i vantaggi per la coppia potrebbero essere:

  • aumentare l’intimità;
  • condividere le modalità e preferenze;
  • condividere i pensieri e le fantasie;
  • spostare il focus dalla penetrazione al piacere.

Tuttavia bisogna tenere presente che, la masturbazione insieme può far bene alla coppia solo se ci si sente a proprio agio, adeguati, in una situazione di confort, rispetto a questa dimensione e fiduciosi nell’accettazione dell’altro. In caso contrario potrebbe essere vissuta come una forzatura e non essere affatto utile.

Come vincere la timidezza

La timidezza può essere dovuta a molti fattori: non sentirsi a proprio agio nel proprio corpo, paura del giudizio dell’altro, inesperienza, timore nel lasciarsi andare e perdere il controllo, senso di inadeguatezza. Il consiglio è quello di procedere a piccoli passi, se si desidera sperimentare con il partner ma ci si sente intimiditi può essere utile avvicinarsi lentamente, guadagnando terreno sulla timidezza attraverso l’esperienza. Bisogna rispettarsi e rispettare l’altro, quindi:

  • rispetto dei tempi;
  • cominciare con modalità più familiari;
  • creare un ambiente confortevole, in cui ci si sente a proprio agio, per esempio semplicemente nella scelta dell’illuminazione;
  • tenere il contatto con l’altro, focalizzandosi sulle sensazioni corporee, senza distrazioni o osservazioni critiche di sé stessi;
  • comunicare al partner quello che si sta sperimentando, sentire l’eccitazione dell’altro aumenta l’eccitazione;
  • condividere se lo si desidera il proprio disagio, si può scoprire che l’altro sta provando le stesse emozioni.

Tenere a mente che gli alleati sono la naturalezza e la spontaneità e che il sesso non è prestazione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Masturbarsi insieme: perché fa bene alla coppia e come vincere la tim...