Dieta, le migliori della settimana dal 25 al 31 luglio

Puoi dire addio ai chili di troppo, alla pancia gonfia e persino ai problemi degli occhi: ecco le diete dell'estate

Ritenzione idrica, pancia gonfia, digestione difficile: in estate, tutti questi piccoli disturbi sembrano farsi sentire ancora di più. Una corretta alimentazione ci aiuta a contrastare sintomi fastidiosissimi che potrebbero rovinarci le vacanze. Ma come scegliere quella giusta per le nostre esigenze? Ecco i migliori consigli dei nostri esperti.

La dieta per dire addio alla pancia gonfia

Dopo aver impiegato tanti sforzi per arrivare pronte alla prova costume, la pancia gonfia proprio non ci voleva. Spesso, la causa si cela in un mix di stress, abitudini scorrette e alimentazione disordinata. Cosa possiamo fare, dunque, per liberarcene in fretta? Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Laura Giori, biologa nutrizionista, che ci ha svelato qualche segreto per dire addio al gonfiore e persino tutte le dritte per prevenire questo fastidioso disturbo.

Un’alimentazione sana ed equilibrata è il primo passo per risolvere il problema. La dieta contro la pancia gonfia prevede un’importante quota di fibre che favoriscono il benessere intestinale, mentre andrebbero invece eliminati i cibi più grassi e gli zuccheri semplici. Via libera alle spezie che aiutano a sgonfiare la pancia: rosmarino, alloro, semi di finocchio e timo sono ottimi alleati per condire qualsiasi pietanza (o per preparare buonissime tisane).

Calazio, così lo combatti con l’alimentazione

L’alimentazione ci aiuta a proteggere anche gli occhi. Ad esempio, sapevate che può prevenire e addirittura combattere una comune infiammazione chiamata calazio? Si tratta di un rigonfiamento alla ghiandola di Meibomio, che provoca dolore, prurito e secrezioni abbondanti. È un problema piuttosto fastidioso, quindi perché non contrastarne l’insorgenza anche a tavola? Una dieta antinfiammatoria si rivela molto utile per dire addio al calazio e prevenirne il ritorno, assieme ad una corretta igiene delle mani e della parte interessata.

Innanzitutto dovremmo dire addio agli alimenti grassi e a quelli fritti, che appesantiscono l’organismo e possono peggiorare lo stato infiammatorio. Spazio invece a frutta e verdura, legumi e cereali integrali: le fibre migliorano la salute dell’intestino, che ha un ruolo fondamentale nell’infiammazione. Concessi, ma in quantità ridotte, cibi contenenti zuccheri semplici, alimenti conservati e latticini. Inoltre dobbiamo bere almeno due litri d’acqua al giorno, per fornire una corretta idratazione al corpo.

Riso basmati, proprietà e benefici

Tra le tante varietà di riso che comunemente portiamo in tavola, spicca il riso basmati. Aromatico e particolarmente delicato, presenta chicchi lunghi e affusolati: per esaltare il suo sapore se ne consiglia la cottura al vapore, e si abbina facilmente sia alla carne che al pesce. La dott.ssa Domenica di Carlo, biologa nutrizionista, ci ha rivelato tutti i segreti di questa varietà e i benefici di cui possiamo usufruire portandola in tavola.

Il riso basmati ha un indice glicemico medio, che lo differenzia dalla maggior parte degli altri tipi di riso: questo significa che può essere introdotto anche nella dieta delle persone che soffrono di diabete. Inoltre, la sua capacità di tenere sotto controllo i livelli di glicemia ci aiuta a ridurre il senso di fame e a ridurre le quantità di cibo che mangiamo. Leggero e facilmente digeribile, il basmati è ricco di sali minerali quali potassio, fosforo e magnesio, inoltre contiene una buona quantità di fibre ed è privo di glutine.