Calazio, come guarire: i cibi da evitare

L'alimentazione è fondamentale per prevenire e curare il calazio: ecco cosa deve mangiare chi soffre di questo disturbo

Il calazio è una patologia che colpisce la palpebra, nella parte interna oppure in quella esterna. Si tratta di un disturbo particolarmente fastidioso che si può curare a partire dall’alimentazione.

Il calazio non è infettivo, ma viene causato da un’infiammazione della ghiandola di Meibomio che ha il compito di controllare le secrezioni lipidiche, mantenendo sempre lubrificata la parete oculare. Solitamente si manifesta come un piccolo rigonfiamento dolente che provoca irritazione e prurito. Spesso si verifica anche una secrezione di liquido e un arrossamento di tutta la palpebra.

A causare il calazio sono moltissimi fattori. Prima di tutto una scarsa igiene (non a caso i più colpiti sono i bambini che tengono sempre a toccarsi con le mani sporche il viso), ma anche diabete mellito, stress, gravidanza, infiammazioni oculari e un’alimentazione sbagliata.

Come curare il disturbo? Per prima cosa è importante la prevenzione. Ricordatevi di pulire sempre la palpebra con delle salviette, rimuovendo sempre il make up a fine giornata e prima di andare a dormire. La sera concedetevi un impacco caldo, per aiutare il sebo a fluidificarsi e favorire la sua rimozione. Lavatevi sempre con attenzione le mani prima di toccare gli occhi per limitare la diffusione delle infezioni. La dieta in questo caso è fondamentale: evitate tutti i cibi che favoriscono un’eccessiva produzione di sebo, come i dolci, gli insaccati, i cibi che contengono sostanze grasse.

Inoltre evitate di grattare o schiacciare il calazio, disinfettatevi le mani prima di toccare le palpebre e assumete gli alimenti che possono aiutarvi a risolvere il problema.

La dieta contro il calazio prevede il consumo di tanta frutta e verdura di stagione (almeno cinque porzioni al giorno), olio extravergine d’oliva, alimenti ricchi di Omega 3 (frutta secca e pesce azzurro), cereali integrali e legumi. 

Largo spazio anche a due antisettici naturali: la curcuma e l’aglio. Questi alimenti si possono utilizzare per preparare piatti deliziosi, ma anche per curare il calazio. Portateli a tavola per insaporire tante ricette oppure frullateli insieme formando una pasta densa da applicare sulla palpebra per ridurre il disturbo.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Calazio, come guarire: i cibi da evitare