Brodo di pollo miracoloso, è meglio dei farmaci

Preparate la copertina e il termometro: a novembre 2014 è arrivata la prima influenza stagionale. I sintomi sono quelli di sempre: febbre alta (38 e anche oltre), raffreddore, infiammazione delle vie respiratorie, mal di gola. Il picco dura 2-3 giorni, per poi placarsi. Farmaci ma non solo: per combatterla ci si può fare affidare ai rimedi della nonna. Come il vecchio caro brodo di pollo, che aiuta a combattere stanchezza, raffeddori e malanni. O la buona e salutare spremuta d’arancia, utile contro il raffreddore, o un bicchiere di latte caldo col miele prima di andare a dormire, che aiuta il sonno.

I rimedi naturali per curare la salute tramandati da generazioni – tra leggenda e verità –  sono infiniti, ma recenti studi hanno dimostrato che facendo bollire un pollo si sciolgono alcune proteine che aiutano a rinforzare il nostro sistema immunitario. Quindi quando arriva l’influenza o ci si senti spossati, l’ideale è preparare subito un brodo caldo e corroborante di pollo o gallina, per sfruttare le sue qualità antinfiammatorie.

Il prof. Gabriele Bellomo – vicepresidente dell’Associazione nazionale specialisti in scienza dell’alimentazione – consiglia di aggiungere alla ricetta tradizionale un po’ di aglio e peperoncino, per il loro potere disinfettante e il prof. Migliaccio spiega che “il brodo di pollo aiuta a reintegrare i liquidi persi, ha un basso contenuto di grassi e nutre senza appesantire”.

Brodo di pollo quindi sotto le lenzuola, con un pizzico di peperoncino e uno spicchio aglio – ottimo antimicrobico – per dare una mano a chi è alle prese con febbre, naso che cola e spossatezza. Se vi piaccioni sapori esotici, al brodo di pollo potete aggiungere tre cucchiaini di zenzero. Qui trovate la ricetta del brodo di pollo allo zenzero.

Brodo di pollo miracoloso, è meglio dei farmaci