Dieta dei vichinghi: perdi peso e rafforzi la memoria

Dati scientifici alla mano, la dieta tipica dei Paesi dell'Europa settentrionale è un toccasana per la salute

Quando si parla di dieta dei vichinghi, si inquadrano le abitudini alimentari tipiche dei Paesi del Nord Europa. Tra le principali peculiarità è possibile citare la presenza di pesce, cereali integrali, verdura.

Da ricordare è anche il basso apporto di zuccheri e il consumo sporadico di vino. Ideale per chi vuole perdere peso ma anche migliorare la memoria, questo schema alimentare prevede inoltre una forte riduzione di burro e succhi di frutta.

La scienza ha ovviamente indagato i suoi benefici. Degno di nota a tal proposito è uno studio risalente al 2017. Pubblicato sulle pagine della rivista Journal of the American Medical Directors Association, ha preso in esame le condizioni di un campione di 962 individui (età media pari a 61,6 anni) senza alcuna disabilità al momento dell’inizio del periodo di osservazione. Ai partecipanti è stato somministrato un questionario caratterizzato dalla presenza di 128 voci e finalizzato a chiarire le idee in merito alle loro abitudini alimentari.

A un follow up di dieci anni, gli esperti che hanno portato avanti questo lavoro di ricerca – si tratta di un’equipe scientifica finlandese – hanno riscontrato che, tra gli individui che avevano aderito alla dieta dei vichinghi nel corso del periodo di osservazione, risultava più bassa l’incidenza di casi di limitazione della mobilità e di difficoltà nel prendersi cura di sé in età avanzata.

Entrando nel dettaglio dei cibi da portare in tavola quando si decide di seguire la dieta tipica dei Paesi del Nord Europa è possibile ricordare il già citato pesce. Fondamentale è che si tratti di esemplari non d’allevamento (si parla in ogni caso di specie tipiche dei mari freddi, come per esempio il salmone e lo stoccafisso). Spazio pure alla carne, purché non provenga da allevamenti intensivi.

La dieta dei vichinghi permette di mangiare anche uova biologiche, frutti di bosco, legumi. Questo regime alimentare include tra i nutrienti anche gli zuccheri naturali provenienti da sciroppo d’acero e miele.

Tornando invece agli alimenti di cui bisognerebbe moderare l’assunzione, è il caso di ricordare i cibi di origine industriale e caratterizzati dalla presenza di zuccheri aggiunti, così come i derivati della soia, le patate, le carote e tutti i tuberi che nascono sotto terra. Prima di iniziare la dieta è opportuno chiedere consiglio al proprio medico curante.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta dei vichinghi: perdi peso e rafforzi la memoria