Dieta detox col tarassaco: purifica il fegato e protegge dal diabete

Noto anche come dente di leone, il tarassaco è un efficace depurativo naturale dalle molteplici proprietà

Pianta a fiore della famiglia delle Asteracee, il tarassaco è un ottimo rimedio naturale per depurarsi e per sgonfiarsi.

Noto anche come dente di leone, cicoria selvatica e in molti altri modi, il tarassaco ha diverse proprietà medicamentose, note sin dall’antichità. Ma, soprattutto, è un diuretico e un depurativo efficace: quando ci si sente costipati, o in concomitanza coi cambi di stagione quando c’è la necessità di eliminare le tossine, la fitoterapia consiglia di bere tisane al tarassaco. E così pure quando si vuole rimediare ad un pasto eccessivamente ricco di grassi, ad una serata un po’ alcolica, o quando si soffre di stitichezza.

Perché è proprio la capacità depurativa, la più importante proprietà del tarassaco: bere tisane a base di questa pianta protegge il fegato, prevenendo l’insorgenza di patologie come i calcoli (del fegato, ma anche di cistifellea e vie biliari) e rimediando al suo affaticamento in periodi di stravizi, e in caso l’alimentazione sia povera d’acqua e vegetali. Inoltre, si va ad agire in via terapeutica su gotta, insufficienza epatica, stitichezza, ipoacidità gastrica, disturbi digestivi, flatulenza, senso di pienezza. Lo si può fare assumendo il tarassaco sotto forma di tisana oppure – quando lo scopo è curativo – si può ricorrere, su indicazione del proprio medico, a forme farmaceutiche che consentono di determinare esattamente quante molecole farmacologicamente attive si stanno assumendo. Le più comuni forme d’assunzione sono infatti le compresse e il decotto (un cucchiaino di radice per ogni tazza d’acqua).

Un’altra importante funzione che il tarassaco svolge è quella diuretica: che si opti per l’estratto liquido, per il succo ottenuto dalla spremitura delle foglie secche o per l’infuso, è possibile – soprattutto se si incrementa la quantità di liquidi assunti con la dieta – stimolare la diuresi, ottenere un’azione drenante e depurativa e migliorare le affezioni urinarie infettive di più lieve entità (oltre che combattere cellulite e ritenzione idrica).

Infine, col tarassaco si riducono i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, si contrastano i picchi glicemici e si abbassa la pressione arteriosa: il suo succo, infatti, stimola la produzione di insulina mantiene corretto il livello di zuccheri nel sangue, prevenendo così il diabete e aiutando chi – di diabete – soffre già.

 

Dieta detox col tarassaco: purifica il fegato e protegge dal diab...