Tossine in eccesso: rischi, sintomi e cosa mangiare

Smaltite in maniera efficace dal fegato, le tossine possono essere eliminate anche grazie all'attenzione alla dieta sana

Per prendersi cura al meglio della salute del proprio corpo, è opportuno essere consapevoli dei rischi che comportano le tossine in eccesso.

Quando le si nomina, si inquadrano le sostanze di scarto del nostro organismo, normalmente smaltite grazie al fegato, ai reni e all’intestino. Anche la pelle ricopre un ruolo molto importante. È però soprattutto il fegato a provvedere a tale processo. Giusto per capire un attimo la sua centralità, ricordiamo che è in grado di depurare circa due litri di sangue al minuto.

La natura ci ha oggettivamente dotati di alleati a dir poco portentosi per quanto riguarda l’eliminazione delle tossine. Altrettanto vero è che anche lo stile di vita conta tanto. Se si palesano sintomi come disturbi del sonno, alito cattivo, stanchezza persistente, peggioramento di un’eventuale condizione di asma già presente (abbiamo citato solo alcuni segnali, ma si potrebbe andare avanti ancora molto), è il caso di sospettare un eccesso di tossine.

In questi frangenti, è opportuno consultare tempestivamente il proprio medico curante. Sarà lui a fornire le indicazioni terapeutiche più adatte alla situazione della singola persona. In ogni caso, ci sono comportamenti che, se adottati, consentono di migliorare la situazione.

Da ricordare a tal proposito è la moderazione nel consumo di alcol. Ogni volta che assumiamo bevande alcoliche, il fegato è infatti tenuto a smaltire sostanze che non apportano alcun beneficio. Lo stesso discorso vale per il fumo di sigaretta, abitudine che comporta l’introduzione nell’organismo di tossine esogene a dir poco pericolose.

Per rendere efficace l’eliminazione delle tossine è opportuno anche evitare di digiunare. In questo modo, si rallenta il metabolismo ottenendo l’effetto contrario a quello che si intende raggiungere. Come ricordano gli esperti dell’Auxologico, mangiare sano aiuta molto a depurare il corpo. Tra i cibi fondamentali a tal proposito è possibile ricordare la verdura e la frutta. In virtù della loro ricchezza in antiossidanti, sono essenziali quando si tratta di disintossicare l’organismo.

Particolarmente decisiva a tal proposito è la vitamina C, essenziale anche per ottimizzare l’assorbimento dei minerali e per favorire di conseguenza lo smaltimento dei metalli tossici. Spazio quindi a fresche spremute di arancia e pompelmo, ma anche al super benefico mix acqua e limone, da bere alla mattina prima di colazione per preparare il corpo ad affrontare la giornata.

Chi vuole combattere gli eccessi di tossine dovrebbe in generale bere molta acqua, almeno due litri al giorno. Per quanto riguarda invece i cibi da evitare, in primo piano si trova la carne rossa che, a causa della presenza dei grassi saturi, non favorisce certo l’efficienza del fegato. Per soddisfare il fabbisogno quotidiano di proteine, sono molto meglio la carne bianca e i legumi.

Anche la cottura conta molto quando si tratta di combattere gli eccessi di tossine. A tal proposito, è bene rammentare che la cottura a vapore va preferita rispetto a quella alla griglia. Ultimo ma non meno importante consiglio per un’alimentazione a prova di tossine consiste nel non fare affidamento esclusivo sugli integratori.

Come già detto, il corpo umano ha già un potentissimo alleato a fini detox, ossia il fegato. Un’alimentazione sana è più che sufficiente per facilitare il suo lavoro. Gli integratori andrebbero presi solo in caso di carenze nutrizionali conclamate– solo gli esami del sangue o delle urine sono in grado di diagnosticarle – e sotto stretto controllo medico.

Tossine in eccesso: rischi, sintomi e cosa mangiare