Conservanti, coloranti e dolcificanti: quelli dannosi, da evitare

Lo pensano in tanti, e qualcuno lo dice anche, l’unica strada per una vita sana e sicura è tornare alle origini. Mangiare cibi freschi e dire addio agli alimenti in scatola, conservati o surgelati. Non consumare niente già confezionato ma soltanto cibi freschi o cucinati al momento, in casa o da fonti molto sicure. Perché gli additivi alimentaricoloranti, conservanti, addensanti e dolcificanti – che vengono utilizzati per la conservazione o per il miglioramento degli alimenti, possono avere effetti collaterali sulla nostra salute. 
Devono essere sempre indicati sulle etichette dei prodotti alimentari con la sigla E  seguita da una cifra o con il loro nome per intero. Si trovano ovunque, l’Unione Europea ne consente l’uso di ben 300 tipi diversi, il problema è che alcuni sono potenzialmente pericolosi. Ecco una lista che vi aiuterà a riconoscerli, e preferibilmente, anche ad evitarli:

Coloranti, dall’ E100 all’ E180, utilizzati per rendere i cibi più invitanti, sono potenzialmente pericolosi per gli asmatici o gli allergici all’acido acetilsalicilico (aspirina) e agli antinfiammatori
Conservanti, da E200 a E285, utili per evitare la proliferazione di batteri, muffe e lieviti nei cibi, possono provocare sintomi come mal di testa, nausea e disturbi respiratori
Antiossidanti e acidificanti, da E300 a E385, servono per prolungare la conservazione, ma sono leggermente diuretici e sovraccaricano i reni.
Emulsionanti e addensanti
, compresi tra E400 a E495, servono a dare consistenza ai cibi, ma spesso celano l’assenza di ingredienti freschi, nel prodotto
Esaltatori di sapidità, da E620 a E640, agiscono sul sapore dei cibi ma possono causare disturbi vari
Edulcoranti, da E950 a E967, E420, E421, E1510, sostituti dello zucchero che potrebbero – secondo recenti ricerche – avere effetti cancerogeni

Alla lunga tutti gli additivi sono tossici per l’organismo e possono dare un sacco di problemi: allergie e dermatiti, pruriti e problemi respiratori, intolleranze, nausee e macchie sulla pelle o più semplicemente mal di testa e debolezza fino ai più seri effetti cancerogeni.

Conservanti, coloranti e dolcificanti: quelli dannosi, da evitare