Cocco: proprietà, utilizzi e benefici

Frutto, olio, latte, acqua ma anche farina e burro. Sono molteplici i doni salutari e benefici ricavati dalla noce di cocco per la nostra salute

Tatiana Maselli Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cos’è

Simbolo dell’estate, il cocco è il frutto della Cocos nucifera, palma appartenente alla famiglia delle Arecaceae o Palmae e originaria di Africa, Sud Est asiatico e Oceania. Si tratta di una noce di grandi dimensioni (può raggiungere i trenta centimetri di diametro) caratterizzata da una parte esterna dura e fibrosa e da una parte interna a sua volta costituita da una porzione solida e da una liquida e zuccherina, che viene riassorbita a maturità.

La noce di cocco è utilizzata soprattutto a scopo alimentare. Oltre ad essere consumato come frutto fresco o essiccato, dal cocco si ottengono l’acqua di cocco, il latte di cocco, la farina di cocco e il burro o olio di cocco, impiegati soprattutto per produrre dolci ma non solo. Nei paesi di origine, la palma da cocco è usata per ricavare ulteriori prodotti tra cui vino e sciroppo.

Utilizzi

La noce di cocco può essere consumata fresca come qualsiasi altro frutto oppure essiccata, ad esempio aggiunta al muesli per la colazione. Dalla polpa del cocco essiccata e macinata si ottiene poi la farina di cocco, ingrediente utilizzato soprattutto nella preparazione dei dolci, spesso associato al cioccolato per conferire il tipico sapore esotico del cocco.

Il latte di cocco è invece un liquido denso, di consistenza simile alla panna, che può essere usato in sostituzione al latte vaccino nella preparazione di budini e altri dessert al cucchiaio, torte, biscotti e prodotti da forno in generale. Il gusto del latte di cocco è gradevole, molto simile a quello del frutto fresco e della farina e, nelle ricette dolci, si sposa bene con quello del cioccolato e della vaniglia. Il latte di cocco è usato anche nella preparazione di piatti salati e in questo caso si abbina perfettamente alle verdure saltate in padella e aromatizzate con aglio e curry, alle vellutate di zucca e di broccolo, al riso basmati e ai ceci.

Infine, dalla mandorla essiccata del cocco si ottiene un prodotto noto come coprah o copra, ricco di grassi, da cui si ricava l’olio di cocco, utilizzato a scopo alimentare e cosmetico. L’olio di cocco, ricco di acidi grassi saturi e profumato, è infatti usato come sostituto del burro durante la cottura di omelette, crepe e pancake, o crudo spalmato sul pane e sulle fette biscottate a colazione.

In cosmesi, l’olio di cocco trova impiego per le sue proprietà emollienti, antinfiammatorie e antimicrobiche ed è utile per ammorbidire e idratare la pelle secca, eliminare il trucco dal viso, districare i capelli, combattere i pidocchi e difendere i denti dall’attacco di batteri. L’olio di cocco rientra nella formulazione di numerosi prodotti per l’igiene e la bellezza, tra cui creme corpo e viso, lozioni struccanti, saponi e maschere per i capelli.

Proprietà e benefici

Il cocco è un frutto idratante e nutriente, il cui consumo aumenta il senso di sazietà e apporta benefici all’apparato gastrointestinale e a quello cardiovascolare, oltre a migliorare l’aspetto della pelle e dei capelli e a contribuire al funzionamento del sistema immunitario. In particolare, il cocco aiuterebbe a ridurre la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo sanguigno e a migliorare problemi digestivi che causano acidità di stomaco e gonfiore addominale. I benefici maggiori derivano dal cocco fresco che contiene una buona quantità di vitamina C e sali minerali, tra cui potassio, fosforo e magnesio, oltre ad acqua, fibre e acidi grassi a catena corta.

Una porzione di cocco fresco è pari a 50 grammi e fornisce all’organismo circa 180 calorie. Il cocco disidratato e la farina di cocco sono invece privi di acqua e di vitamina C, ma ugualmente ricchi di minerali e lipidi. Nel caso del cocco essiccato, la porzione è di 30 grammi per circa 200 calorie.

L’acqua di cocco è invece una bevanda rinfrescante, energizzante e antiossidante, utile soprattutto dopo l’allenamento, per reintegrare i sali minerali persi attraverso la sudorazione, alleviare il senso di fatica e combattere lo stress dato dall’attività fisica.

Per quanto riguarda l’olio di cocco, si tratta di un alimento considerato un superfood e ricco di proprietà benefiche per la salute. Sebbene l’olio di cocco sia ricco di grassi saturi, si ritiene che il suo consumo abbia un impatto positivo sull’organismo grazie alla presenza di acidi grassi a catena corta, in particolare acido laurico, acido caprinico e acido caprilico, oltre a molecole dall’azione antiossidante e antinfiammatoria. Un consumo moderato di olio di cocco, cioè pari a una porzione al giorno, avrebbe infatti un’azione protettiva nei confronti delle malattie cardiovascolari e metaboliche e sarebbe in grado di rinforzare il sistema immunitario difendendo il corpo dall’attacco di virus, batteri, funghi e altri patogeni.

Spesso il consumo di olio di cocco è ammesso anche nelle diete ipocaloriche per perdere peso grazie alla sua capacità di accelerare il metabolismo, facilitare la digestione e migliorare la risposta insulinica, diminuendo il desiderio di dolci. Una porzione di olio di cocco, pari a dieci grammi, fornisce 90 calorie dunque è bene comunque non esagerare nelle quantità per non incidere eccessivamente sul totale delle calorie assunte.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cocco: proprietà, utilizzi e benefici