Sanremo, i conduttori più presenti nella storia del Festival

Mentre Amadeus si prepara al suo terzo Sanremo consecutivo, scopriamo chi ha condotto più Festival nella storia della kermesse

Ci siamo: a breve si alzerà il sipario sulla settantaduesima edizione del Festival della Canzone Italiana, kermesse che rappresenta da sempre uno degli eventi più seguiti del Belpaese. In attesa di scoprire le cinque serate di Sanremo 2022, che sulla carta si preannuncia già memorabile, scopriamo chi sono i presentatori che hanno condotto più edizioni.

Con tre edizioni in tasca, Amadeus – attuale conduttore nonché direttore artistico – si piazza già in ottima posizione nella classifica di chi ha condotto più Sanremo, anche se le prime due posizioni del podio sono praticamente irraggiungibili. In cima ci sono infatti due giganti della televisione italiana, che rispondono al nome di Pippo Baudo e Mike Bongiorno.

Nella Storia del Festival invece sono solo quattro le donne che hanno condotto come presentatrici ufficiali (e nessuna  – finora – alla direzione artistica). La prima fu Loretta Goggi per l’edizione del 1986, seguita da Raffaella Carrà nel 2001, poi Simona Ventura nel 2004 e infine Antonella Clerici nel 2010.

Sanremo, i presentatori: in testa c’è Pippo Baudo, 13 edizioni

Il record di conduzione del Festival è detenuto dal re della televisione italiana, il mitico Pippo Baudo. Il presentatore siciliano, infatti, ha guidato la manifestazione canora per ben tredici edizioni, mettendo a segno anche il primato per il maggior numero di Sanremo consecutivi, ben cinque dal 1992 al 1996. Non è un caso, insomma, che il nome di Pippo sia fortemente legato al Festival.

Mike Bongiorno al secondo posto: 11 edizioni

Altro re indiscusso della televisione italiana, il compianto Mike Bongiorno – eterno rivale di Baudo – si posiziona al secondo posto della classifica. La sua epopea in Riviera comincia nel 1963, ed è infatti soprattutto tra gli anni ’60 e ’70 che mette a segno più edizioni, prima di passare il testimone – simbolicamente – al suo “eterno nemico” Pippo.

Fabio Fazio al 4° posto: quattro Festival

Dopo i due volti iconici della televisione italiana troviamo in terza posizione Nunzio Filogamo, a quota cinque Festival  – primo conduttore in assoluto di Sanremo – ricordato per la sua celebre frase: “Miei cari amici vicini e lontani, buonasera ovunque voi siate”. Subito dopo di lui spunta Fabio Fazio. Il presentatore ligure si trova infatti al quarto posto assoluto, con quattro conduzioni, e precisamente nel 1999, nel 2000, nel 2013 e nel 2014.

Carlo Conti alla quinta posizione con tre edizioni

Il quinto posto è occupato da un quintetto di tutto rispetto, che include Claudio Cecchetto, Gabriella Farinon, e Daniele Piombi. Gli altri due della lista rispondono al nome di Amadeus e Carlo Conti. Quest’ultimo  – volto Rai amatissimo  – è stato al timone di tre edizioni consecutive, dal 2015 al 2017. Il presentatore toscano ha atteso molto per ottenere la meritata opportunità, ma alla fine è riuscito nel suo intento, portando a casa tre edizioni di gran successo, grazie anche alle vallette inedite Arisa ed Emma.

Amadeus: 5° posizione con tre Festival

Legato alla musica dalla sua esperienza giovanile in radio, Amadeus ha realizzato il suo sogno nel 2020, dimostrando sin da subito una spiccata perspicacia nella scelta delle canzoni e del cast. Nonostante alla fine dell’edizione 2021 si fosse mostrato particolarmente titubante all’ipotesi di un terzo Sanremo, le cose poi sono cambiate.

D’altro canto non poteva essere altrimenti, il volto Rai ha messo a segno due annate da record, e anche il Sanremo del 2021 –  malgrado i ruggiti della pandemia – non ha subito cali di ascolto né disaffezione da parte degli spettatori. Senza pubblico in sala, e con un cantante – Irama – anche in quarantena, insomma “the show must go on”, grazie soprattutto alla capacità indubbia del conduttore, affiancato in ambedue le occasioni dall’amico Fiorello. Ad Amadeus va anche il merito di aver fiutato il potenziale dei Måneskin, ormai lanciati verso una carriera globale. Il suo terzo Festival, in partenza il 1° febbraio 2022, si preannuncia già un altro sicuro successo.