Cosa succede al nostro corpo se non beviamo a sufficienza

Dall'aumento della frequenza cardiaca a il rischio calcoli renali, ecco i rischi di bere troppo poco

Bere fa bene: aiuta a tenere idratato il corpo, è utile nelle diete e nel combattere gli inestetismi cutanei. E naturalmente giova alla salute, ma cosa accade se non lo si fa a sufficienza?

I rischi di una cattiva idratazione possono portare a problemi alla salute, anche gravi. Il nostro corpo però ci offre dei segnali evidenti per farci capire che c’è bisogno di bere: dalla stanchezza al mal di testa, fino a un’urina di colore più scuro.

Fra le problematiche più pericolose ci sono quelle legate alla frequenza cardiaca. Una disidratazione, non risolvibile con la semplice e immediata assunzione di liquidi, porta infatti a un volume e una pressione del sangue più bassi, con la conseguenza di un aumento dei battiti cardiaci. A questa sensazione nel petto si possono aggiungere anche vertigini e stanchezza. Livelli di energia più bassi che portano anche a un minore rendimento.

A subire delle conseguenze se non si beve acqua in quantità sufficiente anche la pressione. A volte il suo abbassamento può essere la causa di uno shock ipovolemico. Una problematica piuttosto grave che impedisce al cuore di pompare abbastanza sangue creando problemi agli organi. Una situazione del genere può verificarsi, ad esempio, in caso di infezioni all’apparato gastroenterico.

Uno dei rischi forse più noti in cui si incorre bevendo poco è quello dei calcoli renali, questo perché se non si assume abbastanza acqua i reni la trattengono, con la conseguenza che diminuisce lo stimolo a urinare. Il risultato è che quest’ultima diventa più concentrata e quindi può portare alla formazione dei calcoli. Ma non solo, potrebbe infatti aprire la strada a infezioni alle vie urinarie.

Bere poca acqua nelle stagioni più calde, e magari mentre ci si espone ai raggi solari, può invece avere come diretta conseguenza quella di incappare in un colpo di calore. Questo perché il corpo non riesce a sudare abbastanza da raffreddarsi. A cosa bisogna prestare attenzione per evitarlo? Vertigini e tachicardia, soprattutto.

E i segnali fra le cellule? In caso di un’idratazione non adeguata gli equilibri cambiano tanto da portare a una sensazione di stanchezza e confusione. Nei casi più gravi questo potrebbe anche provocare crisi epilettiche.

Bere è importante, non solo per aspetti puramente estetici o per favorire le diete, ma soprattutto per garantire il corretto funzionamento del nostro organismo. La regola aurea resta sempre quella di assumere almeno due litri di acqua ogni giorno.

Cosa succede al nostro corpo se non beviamo a sufficienza