Bicchieri golosi: il pranzo è servito in calici o coppette

Una moda che dilaga quella di servire ricette deliziose in flutes o bicchierini monodose, per pranzi e aperitivi

Il pranzo è servito, in un bicchiere. Si tratta dell’ultima moda di proporre antipasti, primi, secondi e dessert, in poche parole tutte le portate, servendosi solo ed esclusivamente di flutes, bicchieri alti, da vino, da Martini, da long drink, tumblers grandi o bassi, coppette e terrine. Senza limiti alla fantasia. Un modo sicuramente originale di ricevere, che ha il pregio di non complicare troppo la vita di chi vuole organizzare un’aperitivo o un buffet in casa. L’idea è di José Maréchal, attualmente chef del café Noir di Parigi che in passato ha lavorato nei più prestigiosi ristoranti francesi, noto proprio per la sua abilità nel proporre piatti elaborati in deliziosi bicchieri monodose.

Tante le ricette dolci e salate che si possono servire in comodi bicchieri, siano essi di vetro o di plastica. Questi ultimi utilissimi soprattutto nel caso in cui gli invitati siano molti e i bicchieri in credenza non fossero sufficienti. «Comprarli in una sola occasione sarebbe troppo oneroso e lavarli un’operazione inutile e noiosa», scrive Maréchal nel suo libro di cucina Bicchieri golosi, edito da Guido Tommasi editore, (24 euro) dove presenta in veste nuova i piatti che ama di più. Le sue sono ricette deliziose che mescolano ingredienti tradizionali, esotici e golosi e un modo allegro e divertente per sovrapporre colori e consistenze diverse. I suoi piatti vanno dalla delicatezza del caviale di zucchine insieme alla crema di parmigiano, alla tenerezza dell’agnello insaporito con rafano e menta fino alla morbidezza del tiramisù ai lamponi e pistacchi o al delicato profumo del flan di cocco e limone verde.

Nel frigorifero di chi vorrà cimentarsi con questo nuovo modo di servire non dovranno mai mancare formaggi dolci o salati, considerati da Maréchal, la base irrinunciabile per delle improvvisazioni in bicchiere. E che si sposano molto bene con spezie, erbe, marmellate e composte. Unica regola da rispettare, nel caso si usino marmellate che queste siano esclusivamente di frutta di stagione. Per dare un tocco esotico alle proprie creazioni serviranno spezie e aromi come curry, paprika, cumino. Sciroppi, crema inglese e crema chantilly daranno invece un tocco di colore. E se proprio si ha pochissimo tempo per l’organizzazione del buffet a casa, il consiglio dello chef è di utilizzare vaschette per il ghiaccio o stampi in silicone per realizzare dei cubetti di pistou, tapenade, coulis, mousse. L’accortezza sarà di sformarli il giorno della cena, aggiungendo alla fine momento gli ultimi ingredienti.

Fragole al mascarpone

Ingredienti per 6-8 bicchieri: 75 g di muesli con frutta secca 300 g di fragole 15 cl di coulis di fragole 250 g di mascarpone 50 g di formaggio bianco 70 g di zucchero a velo.
Preparazione: 15 minuti – Raffreddamento: 20 minuti
Lavate le fragole, togliete i piccioli e tagliatele a pezzi (adatti alla dimensione dei bicchieri). Mettete il mascarpone in una ciotola, con il formaggio bianco e lo zucchero a velo, e sbattete energicamente.
Mescolate i pezzi di fragole con il coulis e distribuite nei bicchieri. Coprite con la crema al mascarpone, poi mettete in frigorifero. Al momento di servire, spolverate i bicchieri con il muesli.

Bicchieri golosi: il pranzo è servito in calici o coppette