Dieta Sense: come dimagrire fino a 40 kg definitivamente

Dalla Danimarca un regime alimentare equilibrato e senza la necessità di contare le calorie

Dimagrire in maniera definitiva senza dover perdere la testa con il conteggio calorico è il sogno di tutti! Secondo i principi della dieta Sense, regime alimentare che permette di perdere fino a 40 kg in poco meno di un anno, riuscirci è possibile.

Elaborata e resa famosa da Suzy Wengel, amministratrice di una società attiva nel campo delle biotecnologie nonché autrice di un best seller dedicato proprio a questo schema alimentare, la dieta Sense è nota anche come “Metodo delle quattro manciate” o Scandi Sense Diet.

Secondo la Wengel, per dimagrire è sufficiente consumare fino a quattro manciate di cibo per ogni singolo pasto. La singola manciata va misurata utilizzando come unità di riferimento il palmo della mano e tutte e quattro assieme devono essere il più possibile bilanciate. Si tratta di un approccio che ricorda a grandi linee quello della dieta Zona, solo che per misurare le quantità di cibo da assumere si usa appunto il palmo della mano e non le tabelle strutturate sui valori nutrizionali dei vari alimenti.

Il pasto ideale della Sense (le regole ne prevedono tre durante tutto l’arco della giornata) inizia con due manciate di verdure e prosegue con le proteine. Questi principi nutritivi devono essere inclusi in almeno due fra i tre pasti consumati ogni giorno.

L’unica eccezione riguarda il caso di chi pratica attività fisica in maniera costante; in questi frangenti è infatti possibile aumentare l’apporto di proteine. In generale è meglio che non siano troppo lavorate: attenzione quindi a prosciutto e altri insaccati e spazio libero a carne bianca, uova, legumi, formaggi magri.

Fondamentale, sempre rispettando la regola delle quattro manciate complessive a pasto, è anche la presenza dei carboidrati (pane, pasta, cereali integrali, frutta). Se si decide di saltarli, lo schema prevede la loro sostituzione con le verdure. Da ricordare sono poi i grassi (olio d’oliva, avocado, burro, frutta secca sono tra gli alimenti ammessi), il cui apporto non deve superare i tre cucchiai a pasto.

La dieta Sense, che a detta della Wengel le avrebbe permesso di perdere 40 kg in 9 mesi dopo molti tentativi di ritornare in forma andati in fumo, prevede delle specifiche limitazioni riguardanti i latticini, che devono essere consumati tenendo conto di un limite massimo di 300 ml al giorno. Inoltre, è essenziale che per ogni singolo etto di prodotto ci siano meno di 3,5 grammi di grassi e non più di 5 di carboidrati (parliamo all’incirca dell’equivalente di uno yogurt magro).

Da non dimenticare è anche l’importanza di bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno e la possibilità di consumare liberamente caffè nero e tè nero. Pure le spezie possono essere utilizzate senza problemi per insaporire i piatti.

Di alimenti vietati espressamente non ce ne sono. Le indicazioni della dieta Sense, che in Danimarca è molto seguita e che come qualsiasi regime alimentare dimagrante andrebbe iniziata dopo aver consultato il proprio medico di fiducia, consigliano però di limitare fortemente il consumo di alcuni cibi, come per esempio i dolci, i gelati e le bevande zuccherate.

Dieta Sense: come dimagrire fino a 40 kg definitivamente