Consigli e rimedi per combattere la forfora

La forfora è un disturbo relativo al cuoio capelluto che può rivelarsi molto fastidioso: ecco quali sono le cause e i rimedi per combatterla.

La forfora è un disturbo del cuoio capelluto che si presenta come desquamazioni più o meno abbondanti e visibili nella zona delle radici dei capelli. Oltre ad essere percepita come una problematica estetica, è fondamentale anche capire di che tipologia di forfora si tratta per poterla affrontare con i prodotti più efficaci: ecco alcuni consigli utili da seguire per tornare ad avere un cuoio capelluto sano sia a livello di trattamenti che di prevenzione.

Che cos’è la forfora e come riconoscerla

Il cuoio capelluto, come le cellule dell’organismo, è caratterizzato da un ricambio delle cellule epidermiche. Quando non riescono a raggiungere la giusta maturazione, prima di staccarsi, si formano delle squame bianche che si estendono su tutto il cuoio capelluto e causano inestetismi e fastidi come un forte prurito. La forfora è un disturbo che può comparire dall’adolescenza e durare fino ai quaranta-cinquant’anni, sia negli uomini che nelle donne, mentre è più raro osservarla negli anziani e nei bambini, a causa della scarsa o assente produzione di sebo.

Questo disturbo oltre a essere fastidioso a livello materiale, provoca anche disagio psicologico poiché la forfora si deposita sulle spalle e sugli abiti, creando un aspetto trasandato e compromettendo in alcuni casi il modo di rapportarsi con gli altri. Per poter risolvere il problema della forfora il primo passo da fare è una visita dermatologica per capire di che tipo di forfora si tratti: quella secca o quella grassa? La prima, che si manifesta con squame biancastre e tende a staccarsi in modo autonomo dalla cute, non causa diradamento dei capelli, ma può generare prurito al cuoio capelluto. La forfora secca inoltre tende a migliorare durante i mesi caldi e ad aggravarsi d’inverno o nei periodi di forte stress.

La seconda, invece, si manifesta con desquamazioni giallastre che aderiscono al cuoio capelluto e agli osti follicolari e per questo motivo ostacolano la crescita dei capelli e il ricambio ossigenico del follicolo. La forfora grassa provoca un forte prurito alla testa e può causare l’insorgenza della dermatite seborroica, un’infiammazione del cuoio capelluto che spesso determina cadute abbondanti di capelli e può divenire quindi anche causa di diradamento.

Per entrambe le tipologie di forfora, si è soliti effettuare un’altra distinzione:

  • la forfora fisiologica è dovuta alla naturale desquamazione della pelle;
  • la forfora occasionale è dovuta a un’eccessiva desquamazione che è causata da fattori esterni appunto occasionali, come nel caso di utilizzo di trattamenti cosmetici troppo aggressivi;
  • infine la forfora patologica deriva da un’infiammazione sottocutanea che si manifesta con aree di epitelio in cui ci sono dei raggruppamenti di cellule infiammatorie.

Le cause della forfora

Dopo aver individuato il problema, è importante capire quali sono le cause. Il motivo della caduta delle cellule morte che si distaccano dal cuoio capelluto creando delle scaglie biancastre note come forfora può essere il ricambio troppo veloce delle cellule epiteliali. La causa principale è la proliferazione della Malassezia furfur che è un fungo che si nutre di sebo, provocando di seguito un ricambio di cellule molto più veloce. Questa problematica, secondo alcune ricerche, può peggiorare quando si manifestano altre variabili tra cui spiccano:

  • utilizzo di prodotti e trattamenti cosmetici non adatti, spesso troppo aggressivi che provocano una dermatite da contatto irritativa;
  • alimentazione scorretta, in particolare quando si propende per il consumo di grassi oppure si mangiano pochi alimenti ricchi di zinco, vitamine del gruppo B o alcuni tipi di grassi. Anche l’eccesso di bevande alcoliche può peggiorare sensibilmente questa condizione;
  • lo stress può innescare i meccanismi alla base della formazione della forfora e soprattutto accentuarne la manifestazione. Soprattutto durante i cambi di stagione è possibile notare questo aspetto;
  • la psioriasi perché quando questa patologia interessa il cuoio capelluto favorisce la comparsa di forfora;
  • l’eczema può colpire tutto l’organismo, e quindi anche il cuoio capelluto, e in alcuni casi può causare la forfora.

I rimedi per combattere la forfora

Una volta stabilito, durante una visita da un dermatologo specialista, di che tipo di disturbo si tratti e quali sono le cause scatenanti, è fondamentale intervenire scegliendo i trattamenti e i rimedi contro la forfora. Per funzionare nel modo adeguato devono basarsi su formule che svolgono funzioni antimicotiche e disinfettanti per distruggere i microrganismi, azione antipruriginosa per combattere il prurito in modo da non causare nuove lesioni, e favorire l’assorbimento delle sostanze attive ed antimicrobiche, stimolando le cellule antinfiammatorie del sistema immunitario e infine ricreando l’equilibrio del mantello idro-lipidico della cute.

La forfora, soprattutto quando è cronica, può richiedere anche una cura per periodi lunghi e per il trattamento si utilizzano delle lozioni che facilitano il distacco dalla cute delle cellule morte e shampoo antifungini che hanno una funzione di disinfettante, riducendo l’infiammazione che causa prurito e fastidio e regolando la cheratina nei capelli. I principi attivi dei farmaci che vengono normalmente prescritti dagli specialisti in questi casi sono:

  • Ketoconazolo che è un antimicotico potente che inibisce la formazione della membrana cellulare del fungo;
  • Solfuro di selenio che ha un’azione antimicotica più modesta ma si abbina alla caratteristica di inibire e ridurre la velocità di ricambio delle cellule dell’epitelio del cuoio capelluto;
  • Zinco piritione che ha un’azione antibatterica e antifungina;
  • infine integratori alimentari a base di acidi grassi polinsaturi.

Altri rimedi che vengono proposti, soprattutto in caso di forfora occasionale, sono prodotti fitoterapici che contengono in genere estratti di ortica, bardana, rosmarino e salvia. Tra gli oli essenziali più efficaci per combattere la forfora spiccano l’olio essenziale di Tea tree, dalle proprietà funghicida e antibatteriche, e gli oli essenziali di eucalipto, limone e salvia, disinfettanti e astringenti. Tra i rimedi naturali contro la forfora invece si possono proporre un infuso di ortica, da versare tiepido sul cuoio capelluto, un impacco a base di limone ed olio d’oliva, olio di lino e infine l’aceto di mele diluito in acqua tiepida e massaggiato sul cuoio capelluto prima dello shampoo. Un altro rimedio molto conosciuto, utile in caso di forfora grassa, è l’argilla verde che va unita a dell’acqua per ottenere un composto cremoso, che va poi applicato sui capelli e lasciato agire per circa 30 minuti: in seguito va effettuato un lavaggio accurato e abbondante.

Forfora in gravidanza: come combatterla

La forfora in gravidanza è un disturbo non molto frequente ma che può presentarsi con facilità, considerate le notevoli variazioni ormonali di questo delicatissimo periodo della vita femminile.

In caso di donne in gravidanza, è importante rivolgersi al proprio medico curante per capire quali sono i prodotti che si possono utilizzare e quali no: alcune lozioni a base di corticosteroidi infatti potrebbero essere controindicati. Come shampoo antiforfora di solito è consigliabile optare per un prodotto delicato senza tensioattivi o parabeni, meglio ancora un olio eudermico per capelli grassi. Poi non bisogna dimenticare un balsamo idratante ma non grasso e di origine naturale. Per debellare la forfora in gravidanza, sono molto efficaci i principi attivi naturale dall’azione purificante come limone, incenso, salvia e timo: infusi e impacchi sono degli ottimi alleati naturali per tornare ad avere una chioma sana e splendente.

Come prevenire la forfora

Dopo aver capito quali sono le cause delle forfora e i rimedi più indicati a seconda della tipologia di disturbo, è molto importante pensare alla prevenzione. Ecco quattro consigli da seguire nella vita quotidiana:

  • seguire una dieta ricca di frutta e verdura che contengono gli antiossidanti necessari per combattere i radicali liberi, vitamine del gruppo B e proteine nobili che sono la fonte di amminoacidi solforati fondamentali per una corretta sintesi delle proteine. Inoltre bisogna cercare di ridurre il più possibile il consumo di alcolici;
  • lo stress è un altro elemento che può incrementare la formazione della forfora, per questo è fondamentale contenerlo, anche ricorrendo a tecniche ad hoc come la meditazione, lo yoga e un rinnovato contatto con la natura;
  • lavarsi i capelli tutti i giorni, in caso di forfora secca, per evitare l’accumulo di sebo sulla cute mentre se si soffre di forfora grassa evitare lavaggi troppo frequenti e prolungati massaggi al cuoio capelluto, per non stimolare la produzione di sebo in eccesso;
  • infine non bisogna tralasciare le condizioni igieniche. Lavare i capelli con prodotti delicati, utilizzare acqua tiepida durante il lavaggio, non tenere il phon ad una temperatura eccessivamente alta ed evitare prodotti contenenti alcol e lacche e schiume sono tutte buone pratiche che favoriscono la prevenzione della forfora.

Alimentazione per combattere la forfora: consigli utili

L’alimentazione può rivelarsi un fattore molto importante nel prevenire la forfora, per questo è importante scegliere gli alimenti più giusti. Ecco alcuni consigli da seguire:

  • i cereali integrali sono ottimi alleati;
  • il tè verde, che è ricco di antiossidanti, dovrebbe essere preferito al posto di caffè e tè nero;
  • i semi germogliati sono ricchi di enzimi digestivi e costituiscono un altro aiuto per curare la forfora attraverso l’alimentazione;
  • è consigliabile consumare legumi e tanta frutta e verdure di stagione, che sono ricchi di vitamine e minerali;
  • infine a volte i disturbi di capelli e cuoio capelluto possono essere causati da un apporto non corretto di ferro. È importante quindi controllare i valori di ferro nel sangue e, in caso di carenza o di eccesso, rivolgersi ad uno specialista per seguire un’alimentazione che aiuti a riequilibrarne i livelli.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Consigli e rimedi per combattere la forfora