Dieta, le migliori della settimana dal 29 giugno al 4 luglio

Cosa portare in tavola per sgonfiare la pancia, proteggere il cuore e favorire la tintarella

Il mese di luglio, tra caldo e vacanze già iniziate o prossime ad arrivare, è un momento perfetto per prendersi più cura di sé attraverso l’alimentazione. Farlo significa, per esempio, portare in tavola alimenti che aiutano a sgonfiare la pancia. Utilissima a tal proposito è la crusca d’avena che, come ricordato dagli esperti di Humanitas, è caratterizzata da un importante contenuto di fibre.

In questo periodo, è importante anche concentrarsi sui cibi che favoriscono la tintarella. Come ricordato da Marilù Mengoni, biologa nutrizionista e Dottoressa in Psicologia, si tratta di alimenti che proteggono dall’interno, riducendo i rischi del fotoinvecchiamento. Di che cibi stiamo parlando? Delle carote, ricchissime d’acqua e di quella portentosa alleata della pelle che è la vitamina A.

Da non dimenticare sono anche i benefici delle albicocche. Anche in questo frangente, parliamo di un cibo ricchissimo di provitamina A. Chi vuole fare il pieno di carotenoidi dovrebbe considerare anche l’assunzione di peperoni, spinaci, meloni e pesche. Un altro alimento alleato della tintarella e della fotoprotezione è la mandorla, preziosa a tal proposito in virtù del suo contenuto di grassi omega 3 e di vitamina E.

Per mangiare in ottica di lotta all’invecchiamento precoce è molto utile anche la lattuga. Ottima fonte di vitamina C, come evidenziato sempre dagli esperti del gruppo Humanitas è contraddistinta da un notevole contenuto di fibre. Questa peculiarità, unita alla ricchezza in acqua, la rende portentosa quando si tratta di ottimizzare il transito intestinale.

I benefici della lattuga non finiscono certo qui! Quando la si nomina, non bisogna infatti scordare il suo contenuto di potassio, caratteristica che la rende speciale per la salute del cuore (il minerale appena ricordato ottimizza la regolarità della pressione arteriosa). Proseguendo con gli aspetti a cui è bene fare attenzione quando ci si mette a tavola in questo momento dell’anno, troviamo senza dubbio l’importanza di ridurre il girovita (il grasso viscerale è pericolosissimo per la salute).

Come sottolineato dal Dottor Corrado Pierantoni, specialista in endocrinologia e malattie del ricambio, un punto di riferimento molto utile al proposito è la dieta mediterranea che, oltre ad aiutare per quanto riguarda l’aspetto sopra citato, permette di mettere in tavola vegetali ricchi di antiossidanti, veri e propri amici della pelle.

Entrando nel vivo dello schema della dieta, ricordiamo che ogni giorno dovrebbe essere caratterizzato dal consumo di 5 pasti al giorno. La giornata dovrebbe prendere il via con un bicchiere di acqua e limone, utile per detossinarsi e riequilibrare il pH. Successivamente, è bene considerare la verdura come antipasto sia del pranzo, sia della cena. Da non dimenticare è anche la possibilità di bere un bicchiere di vino rosso a settimana, eccellente alternativa per incrementare l’apporto di un antiossidante benefico come il resveratrolo. Se si ha voglia di dolce, si può invece optare per 20 grammi di cioccolato fondente ogni tanto.

Per tenere sotto controllo il peso e proteggere nel contempo il cuore, è cruciale l’apporto di pesce. Come specificato dagli esperti dell’American Heart Association, dovrebbe trovare posto sulle nostre tavole due volte alla settimana. Ricco di proteine e per questo funzionale ai fini del mantenimento della forma fisica – i nutrienti appena citati ottimizzano i livelli degli ormoni della sazietà e riducono quelli di grelina, che aumenta invece l’appetito – il pesce, in virtù della sua frequente ricchezza in omega 3, è un alleato speciale contro l’ossidazione del colesterolo LDL e, di riflesso, della salute del cuore.

Concludiamo con un consiglio speciale per chi, in vista del grande appuntamento con le vacanze, vuole ottimizzare l’eliminazione delle tossine. Ottimi a tale scopo sono i cetrioli. Come evidenziato da una ricerca polacca pubblicata nel 2018 ed effettuata da un’equipe di esperti dell’Istituto tedesco di nutrizione umana Potsdam-Rehbrücke, gli alimenti a bassa densità alimentare come appunto il cetriolo sono funzionali al calo ponderale. Inoltre, in virtù della sua ricchezza in acqua, questo ortaggio aiuta tantissimo la regolarità intestinale, altro aspetto cruciale quando si discute di eliminazione delle tossine.

Concludiamo facendo presente che i consigli elencati in queste righe andrebbero concretizzati solo dopo essersi consultati con il proprio medico di fiducia o con un esperto di scienze dell’alimentazione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta, le migliori della settimana dal 29 giugno al 4 luglio