Gli alimenti dietetici non sono molto efficaci. Ecco cosa fare

Gli alimenti dietetici non sono sempre la soluzione migliore, anzi in genere rinunciare del tutto all’alimento è meglio che sostituirlo con un prodotto simile ma dietetico.

Secondo i dati raccolti da un ricercatore dell’università di Adelaide, in Australia, i cibi ricchi di calorie, grassi e sale possono arrivare a rappresentare ben un terzo dell’apporto calorico quotidiano. Sostituirli totalmente o in parte con alimenti più sani o con prodotti dietetici potrebbe essere una buona idea?

Per rispondere a questa domanda lo studioso australiano ha analizzato ed elaborato le informazioni sul tema relative a più di 12.000 persone australiane e raccolte tra il 2011 e il 2013 in occasione dell’Australian Health Survey. Quel che è emerso è che sostituire i cibi ricchi di grassi, calorie e sale con alimenti essenziali, non trattati, non elaborati e sani, è sempre un’ottima idea, mentre sostituirli con dei prodotti dietetici, tipo quelli quelli light, senza zucchero o senza sale, non sempre è una buona scelta, dal momento che non è tanto l’apporto calorico in sè a fare la differenza quanto la composizione nutrizionale dell’alimento. L’ideale sarebbe riuscire a ridurre o eliminare il consumo di cibi voluttuari (patatine, cioccolatini, caramelle, bibite zuccherate, snack), a vantaggio di frutta e verdura, latticini, cereali integrali o carni magre. In questo modo si ridurrebbe l’assunzione di sostanze dannose per la salute, come zuccheri raffinati, sale e additivi.

Considerando gli alimenti dietetici, nel caso di biscotti, dolci e dessert senza zucchero è bene chiarire che una riduzione dello zucchero presente nell’alimento non è detto che corrisponda a una consistente riduzione delle calorie. Quanto al consumo di prodotti senza sale in realtà, secondo i dati analizzati, optare per questa scelta porterebbe a una riduzione di solo il 3% dell’assunzione quotidiana di sale.

Ciò che fa la differenza dunque è una maggiore consapevolezza alimentare, che permetta di fare scelte basate sul reale valore nutritivo degli alimenti. Se ci viene voglia di dolce, invece di un cioccolatino, proviamo a gustarci della frutta fresca o secca, invece di optare per sgranocchiare un biscotto senza zucchero, se non a rinunciare del tutto a uno spuntino, scelta privativa che alla lunga potrebbe pesare a livello di umore. La strategia da adottare e quindi quella di sostituire un cibo voluttuario con uno essenziale e non con un alimento dietetico. Ciò vale anche per le bibite zuccherate: evitate le bevande dietetiche a favore della classica acqua, non c’è soluzione più salutare di questa per togliere la sete e idratare l’organismo.

Gli alimenti dietetici non sono molto efficaci. Ecco cosa fare