Dragoncello: proprietà, benefici e utilizzo in cucina

Il dragoncello è una pianta aromatica usata per dare sapore alle ricette ma anche come rimedio naturale stimolante e digestivo

Tatiana Maselli Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cos’è

Il dragoncello, o Artemisia dracunculus L., è un'erba perenne della famiglia delle Asteraceae, la stessa di camomilla, assenzio, arnica, achillea, echinacea e altre piante utilizzate in erboristeria e fitoterapia per i loro benefici.

La pianta di dragoncello è originaria dell’Asia centrale e della Russia e cresce spontanea anche in diverse zone d’Europa, dove è stata importata nel XVI secolo. Si tratta di un cespuglio con fusto molto ramificato, che può raggiungere i 90 centimetri di altezza e che cresce nei terreni posti al sole e ben drenati. Le foglie che si sviluppano alla base della pianta di dragoncello sono tilobate, cioè divise in tre lobi, mentre quelle che si trovano ad altezza superiore sono semplici e lanceolate. I fiori del dragoncello sono capolini di piccole dimensioni, bianchi o verdastri mentre il frutto è un achenio allungato, di circa due millimetri.

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dragoncello: proprietà, benefici e utilizzo in cucina