Dieta con pochi carboidrati: le alternative alla pasta per dimagrire

Dagli spaghetti di verdure alle varianti del couscous, alcune idee speciali per perdere peso senza rinunciare al gusto

Da diversi anni a questa parte, le diete a basso contenuto di carboidrati sono al centro dell’attenzione scientifica e dell’interesse di chi vuole perdere peso. Seguirle significa, nella maggior parte dei casi, rinunciare alla pasta. Per fortuna, si può fare riferimento a numerose alternative gustose e, come sopra accennato, a contenuto glucidico esiguo.

In questo novero è possibile includere gli spaghetti di zucca. Preparati a partire dalla verdura amidacea appena ricordata – per essere precisi dalla sua polpa – sono molto simili a dei noodles.  Entrando nel vivo del loro profilo nutrizionale, ricordiamo che una porzione da 100 grammi contiene il 20% circa di carboidrati in meno rispetto alla medesima quantità di pasta.

Gli spaghetti di zucca hanno anche altri vantaggi. Il loro principale ingrediente è infatti caratterizzato da diversi ingredienti importantissimi per il nostro benessere. Quando si parla della zucca, si inquadra infatti una delle migliori fonti di vitamina A, decisiva per la salute della pelle, vitamina C e vitamina K (quest’ultima è cruciale per la buona coagulazione del sangue).

Per quanto riguarda la loro preparazione, ricordiamo che è estremamente facile. Basta infatti pungere la polpa della zucca con una forchetta e ricavare gli ‘spaghetti’, che dovranno essere successivamente cotti in forno a 180°C per massimo 45 minuti. Fondamentale è rammentare che gli spaghetti di verdure si possono preparare anche con le zucchine. Questi piatti rappresentano un’ottima alternativa per tenere sotto controllo il peso. Al centro dell’attenzione, ribadiamo, c’è l’assunzione di verdura.

Come evidenziato da diversi studi – tra i quali è possibile citare una ricerca brasiliana del 2008 che ha preso in considerazione la situazione di un campione di 80 adulti in sovrappeso invitati a seguire un programma alimentare della durata di 6 mesi – l’assunzione di alimenti di origine vegetale può avere una forte rilevanza ai fini del calo ponderale.

Detto questo, torniamo a elencare alcune delle migliori alternative alla pasta per una dieta a basso contenuto di carboidrati. Nell’elenco in questione è possibile il couscous di sedano rapa, ortaggio noto per il suo sapore leggermente piccante oltre che per la presenza di manganese e vitamina C.

Se si punta a portare in tavola una variante del couscous con ancor meno carboidrati, ci si può orientare sull’utilizzo del cavolfiore come ingrediente principale. Per preparare il piatto, è sufficiente togliere le cime e passarle nel robot da cucina fino a quando non raggiungono una dimensione affine a quella del riso.

Quando si discute di alternative alla pasta in una dieta a basso contenuto di carboidrati, è doveroso un cenno agli Shirataki. Cosa sono? Dei noodles preparati con farina di konjac, pianta asiatica caratterizzata dalla presenza di glucomannano, fibra solubile che, rallentando la digestione, aiuta a ottimizzare i livelli di sazietà. Concludiamo facendo presente che prima di introdurre i piatti appena citati nella dieta è opportuno consultare il proprio medico di fiducia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta con pochi carboidrati: le alternative alla pasta per dimagrire