Lutto a “Uomini e Donne”, è morta la storica opinionista Paola D’Andrea

Paola D'Andrea, storico volto di "Uomini e Donne", si è spenta a causa di un brutto male, come annunciato dalla collega e amica Rosy Chiarelli

Non ha mai avuto velleità da palcoscenico, né ha fatto parte del parterre con la pretesa di trovare la propria anima gemella. Paola D’Andrea era semplicemente una fan accanita di Uomini e Donne che dal salotto di casa è arrivata negli studi di Canale 5 per dire la sua, diventando uno dei volti storici del programma di Maria De Filippi. La bionda signora del pubblico che tutti ricordiamo, si è spenta a causa di un brutto male, come annunciato su Instagram dall’amica e “collega” Rosy Chiarelli.

Addio a Paola D’Andrea, l’annuncio su Instagram

Rosy Chiarelli ha condiviso un breve post sul suo profilo Instagram per esprimere tutto il dolore per la perdita di quella che non era soltanto una “collega”, ma anche una grande amica. Ed è così che la notizia si è diffusa a macchia d’olio, rimbalzando da un canale social all’altro in men che non si dica.

Sembra impossibile ai fan di Uomini e Donne, ma Paola D’Andrea è venuta a mancare e con lei se ne va un pezzo di storia del dating show di Maria De Filippi. Chi ha seguito il programma in tutti questi anni sa bene quanto il pubblico contasse, specialmente i personaggi come lei, donna senza peli sulla lingua e sempre pronta a esprimere le proprie opinioni su tronisti, troniste, dame e cavalieri senza troppi giri di parole.

Nessun dettaglio in merito alle cause della morte della storica opinionista di Maria De Filippi, solo un breve commento in cui l’amica Rosy Chiarelli accenna a “un brutto male”.

Paola D’Andrea, volto indimenticabile di “Uomini e Donne”

Era da qualche tempo che Paola D’Andrea non si vedeva in TV, ma i fan di Uomini e Donne non l’hanno mai dimenticata. Quelle passate erano stagioni in cui il pubblico sedeva sulle scalinate accanto a Maria De Filippi, con la possibilità di prendere la parola e dire la propria. Verità scomode, commenti piccati o anche solo un apprezzamento o un incoraggiamento per i protagonisti del Trono: tutto era concesso in epoca pre-Covid (prima di mascherine, distanziamenti e senza pubblico in studio).

Paola D’Andrea era capitata lì quasi per caso, solo per seguire il sogno di poter esprimere le proprie opinioni su personaggi che seguiva quotidianamente da casa (e che talvolta la facevano arrabbiare). “Una sera sono stata al Maurizio Costanzo Show – aveva raccontato in un’intervista a CalabriaMagnifica di qualche anno fa -, ho visto personaggi che facevano parte dell’entourage di Uomini e Donne. Sfacciatamente li ho fermati e ho chiesto di partecipare a un provino. Hanno detto sì e l’indomani ero a Uomini e Donne“.

In occasione di quell’intervista si era definita “opinionista d’assalto, qualche volta cattiva”, almeno per “chi se lo merita”. “Non sbaglio quasi mai e se sbaglio, chiedo scusa. Questa sono io, nel bene e nel male. Non ho nessun copione, posso piacere come non piacere, però comunque sono questa”. Onestà, spontaneità e per certi versi anche coraggio sono state le cifre vincenti che l’hanno resa lo storico volto di Uomini e Donne che oggi e sempre ricorderemo con affetto e simpatia.