Dieta coi ceci per ridurre colesterolo e trigliceridi

Semi di una pianta appartenente alla famiglia delle Leguminosae, i ceci sono versatili in cucina e ricchi di proprietà benefiche

Aggiungere i ceci alla propria dieta può rivelarsi un’idea fantastica per la salute e la forma fisica. Questi legumi sono infatti ottimi quando si tratta di prevenire l’innalzamento dei valori del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue. Semi del Cicer arietinum, pianta appartenente alla famiglia delle Leguminosae, in Italia vengono coltivati soprattutto nelle Regioni centrali. Particolarmente rinomati sono infatti i ceci del Lazio, per non parlare di quelli originari dell’Umbria.

Per quanto riguarda l’apporto energetico ricordiamo che 100 grammi di ceci secchi non salati forniscono 120 calorie circa. Entrando nel dettaglio dei nutrienti troviamo innanzitutto carboidrati (amido e zuccheri solubili), ma anche proteine e lipidi.

I ceci – ricchi di fibre – contengono inoltre diversi minerali importanti per la nostra salute. Tra questi possiamo citare il potassio, che favorisce la buona contrazione delle fibre del cuore, ma anche il ferro, il calcio, il fosforo, il magnesio, il manganese. Contraddistinti dalla presenza di vitamine del gruppo B – cruciali quando si tratta di trasformare in energia il cibo che mangiamo e di migliorare l’efficienza del metabolismo delle cellule – i ceci sono noti anche per il fatto di contenere tracce di vitamina A e vitamine C.

Come evidenziato dagli esperti di Humanitas, i ceci sono un’eccellente fonte di saponine. Grazie alla presenza di questi glicosidi di origine vegetale, chi consuma i ceci può apprezzare degli effetti di grande rilevanza per la salute. Stiamo parlando della riduzione dei trigliceridi nel sangue e della normalizzazione dei valori del colesterolo. A prevenire l’ossidazione di quest’ultimo, notoriamente pericolosa per il benessere cardiaco, ci pensa anche l’acido linoleico.

In letteratura medica non si parla per ora di controindicazioni particolari all’assunzione dei ceci. Gli unici aspetti a cui fare attenzione sono l’allergia, così come problematiche quali la colite. In questo frangente l’assunzione dei ceci può peggiorare la situazione intestinale già non perfetta. Per togliersi qualsiasi dubbio è consigliabile consultare il proprio medico di fiducia.

Se non sussistono controindicazioni di sorta ci si può tranquillamente sbizzarrire in cucina. Le ricette che vedono i ceci protagonisti sono numerose! Tra queste è possibile citare l’hummus, per non parlare di grandi classici come la zuppa e la pasta che li vede come condimento principale.

Se si ha poco tempo per stare ai fornelli ma intenzione di stupire comunque i propri ospiti, si può preparare anche una deliziosa vellutata. Concludiamo facendo presente che, in ogni caso, i ceci devono essere cotti bene per evitare difficoltà nella digestione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dieta coi ceci per ridurre colesterolo e trigliceridi