Alga clorella: proprietà, quando assumerla e controindicazioni

L’alga clorella è una piccola alga dall’azione antiossidante e depurativa, considerata un superfood per via del suo valore nutrizionale

Tatiana Maselli Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cos’è

La clorella è una piccola alga verde unicellulare d’acqua dolce. Grazie all’elevato contenuto di nutrienti, l’alga clorella è considerata un superfood e viene utilizzata negli integratori alimentari per il mantenimento di uno stato di benessere. L’alga clorella è infatti caratterizzata da un’elevata quantità di proteine, presenti fino al 60% e che contengono tutti gli amminoacidi essenziali. Inoltre, l’alga clorella è ricca di fibre e di acidi grassi della serie Omega-3, acidi grassi essenziali che il nostro corpo non è in grado di sintetizzare. La clorella contiene poi numerose sostanze dall’azione antiossidante, vitamine e minerali, tra cui vitamina C e ferro e piccole quantità di magnesio, zinco, potassio, calcio, e vitamine del gruppo B. L’alga clorella contiene anche vitamina B12 ma, come molti vegetali che la contengono, non può essere ritenuta una fonte di questa vitamina e la sua assunzione non risulta indicata in caso di deficit che si possono verificare nelle persone che escludono dalla dieta alimenti di origine animali per lunghi periodi. Esistono oltre trenta specie diverse di alga clorella ma le più utilizzate negli integratori alimentari in capsule o compresse sono la Chlorella vulgaris e la Chlorella pyrenoidosa.

Proprietà

L’alga clorella è considerata un superfood in grado di aumentare le difese immunitarie dell’organismo, aiutandolo a combattere infezioni da virus, batteri, funghi e altri agenti patogeni. La clorella è anche nota per la sua azione disintossicante: sembra infatti che questa piccola alga sia in grado di limitare la tossicità di metalli pesanti e contaminanti chimici potenzialmente pericolosi per la salute di fegato, cervello e reni. Inoltre, l’assunzione di integratori di alga clorella possono contribuire a ridurre i livelli di colesterolo e di trigliceridi nel sangue e a tenere sotto controllo la pressione sanguigna, diminuendo così il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari come l’infarto e l’ictus. La riduzione del colesterolo LDL o “colesterolo cattivo” sembra essere data dalla presenza di vitamina B3 (niacina), antiossidanti come la vitamina C, il beta-carotene, la clorofilla e alcuni flavonoidi che, oltre a proteggere l’apparato cardiovascolare, aiutano a combattere l’azione dannosa di radicali liberi e lo stress ossidativo in tutto l’organismo e, di conseguenza, lo sviluppo di malattie croniche. La riduzione dell’assorbimento intestinale di colesterolo in seguito all’assunzione di alga clorella potrebbe essere dovuta anche al suo contenuto in fibre; le fibre, oltre a rallentare l’assimilazione di colesterolo e trigliceridi aiutano anche a regolare l’assorbimento di glucosio, azione utile nel controllo della glicemia. L’attività benefica dell’alga clorella sulla pressione arteriosa potrebbe invece essere data dal contenuto di minerali come il potassio. L’alga clorella potrebbe inoltre essere d’aiuto per ridurre gli stati infiammatori e migliorare il benessere in caso di dolori articolari e muscolari, dolori mestruali, infiammazioni a carico dell’apparato respiratorio e dell’apparato gastrointestinale.

Quando assumerla

Gli integratori di alga clorella possono essere assunti in diverse circostanze. Ad esempio, si può far ricorso all’alga clorella durante i percorsi detox, nelle cure disintossicanti primaverili o in seguito a terapie farmacologiche, per aiutare l’organismo a liberarsi più facilmente delle tossine. L’assunzione di alga clorella è utile anche durante i cambi di stagione e in convalescenza, per aumentare le difese immunitarie e come cura ricostituente o come coadiuvante nei regimi alimentari per ridurre i livelli di colesterolo e tenere sotto controllo la glicemia. L’integrazione con alga clorella può poi essere utile per contrastare la sindrome mestruale e i dolori mestruali, per favorire il recupero muscolare dopo l’allenamento e lo sport o per dare sollievo in caso di infiammazioni. Poiché il contenuto di sostanze benefiche negli integratori varia a seconda delle specie di clorella utilizzate, dalle condizioni di crescita delle alghe e dalla loro lavorazione, è importante scegliere prodotti di qualità. Gli integratori di alga clorella sono generalmente venduti in erboristeria sotto forma di capsule o compresse e si assumono al dosaggio da 1,5 e fino a 10 grammi al giorno.

Controindicazioni

L’alga clorella è un rimedio sicuro ma in alcuni casi la sua assunzione può causare effetti collaterali. Ad alti dosaggi o se somministrata per lunghi periodi, nelle persone sensibili può provocare nausea e disturbi gastrointestinali. In caso di patologie, in gravidanza e allattamento, si consiglia di chiedere il parere del medico prima di assumere integratori di alga clorella. Data l’azione di questo rimedio sul sistema immunitario, l’alga clorella non è indicata, ad esempio, nelle persone che soffrono di malattie autoimmuni. Infine, per evitare eventuali interazioni farmacologiche, se si assumono farmaci o altri integratori alimentari, è bene comunicarlo all’erborista, al farmacista o al medico prima di ricorrere all’integrazione con alga clorella.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Alga clorella: proprietà, quando assumerla e controindicazioni