Acufene: fischi e ronzii negli orecchi. Ecco i migliori rimedi naturali

Acufene è il nome scientifico del ronzio persistente alle orecchie. Conviverci è un incubo ma, fortunatamente, esistono rimedi naturali acufene per risolvere il problema

Con il passare del tempo l’acufene è diventato sempre più diffuso, tanto che una persona su dieci soffre di questo disturbo. Secondo alcuni studi medici, la comparsa dell’acufene è dovuta a un danno a carico delle cellule ciliate cocleari situate nell’orecchio interno. La cura di questo fastidioso ronzio alle orecchie può essere farmacologica o prevedere tecniche riabilitative. Nel secondo caso si può ricorrere a rimedi naturali in grado di dare notevole sollievo e di diminuire sensibilmente il ronzio.

Il metodo naturale più efficace è quello di procurarsi dei generatori sonori ambientali o personali da farsi prescrivere dal medico specialista. Arricchire l’ambiente con particolari suoni può dare grande giovamento a chi soffre di acufene, soprattutto perché è una fonte di distrazione sonora. Un altro rimedio naturale arriva dalla medicina tradizionale cinese ed è la digitopressione, vale a dire applicare per un minuto la pressione del pollice su alcuni punti del corpo quali: retro della testa, lato della testa, parte interna del piede e retro della mano.

Per migliorare la situazione va tassativamente evitata qualsiasi situazione di stress, magari attuando tecniche di respirazione per tenerlo a bada. Sono da evitare anche i rumori troppo forti e prolungati, come quelli della musica nelle discoteche o di alcuni lavori in fabbrica o stradali. In questi ultimi casi, dato che non si può evitare, si consiglia di utilizzare delle apposite cuffie per proteggere le orecchie da rumori così persistenti e alti.

Risulta utile, infine, fare attenzione all’alimentazione. Il ronzio persistente rende difficile addormentarsi e in ogni caso il sonno non è mai realmente riposante. Per questo vanno evitate le bevande e gli alimenti a base di caffeina perché non aiuta a prendere sonno, mentre al contrario è consigliata l’assunzione di alimenti contenenti melatonina, come l’olio d’oliva, le noci, il vino e i pomodori perché conciliano il sonno. Inoltre la melatonina è disponibile sul commercio anche sotto forma di capsule di integratori. Ottimi sono anche gli alimenti ricchi di zinco, come i legumi, le ostriche, il cioccolato fondente e i semi di zucca. Lo zinco è molto utile per ridurre l’acufene soprattutto nei pazienti più anziani.

Acufene: fischi e ronzii negli orecchi. Ecco i migliori rimedi na...