Piedi gonfi: cause, prevenzione e i rimedi naturali più efficaci

Il gonfiore ai piedi è un disturbo assai comune, soprattutto nelle donne, e tende a peggiorare con l’arrivo di caldo e afa: ecco come prevenirlo

Foto di Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Cause

Piedi gonfi e gambe pesanti sono un problema che accomuna molte persone e che tende a farsi più importante con l’arrivo del caldo. Piedi, caviglie e gambe gonfie sono un disturbo che può colpire sia le donne sia gli uomini e che può comparire a qualsiasi età, anche se si verifica più di frequente nel sesso femminile e tende a peggiorare all’avanzare dell’età. Il gonfiore ai piedi, ma anche a caviglie e gambe, è provocato generalmente da problemi alla circolazione sanguigna e linfatica, che a loro volta dipendono da svariati fattori. Alla base di una circolazione che non funziona bene troviamo infatti una predisposizione genetica, ma il disturbo può essere aggravato in determinate situazioni, in caso di patologie o per via di comportamenti e abitudini scorretti. Il gonfiore ai piedi può dunque dipendere o essere aggravato da:

  • sedentarietà
  • uso di indumenti o scarpe troppo stretti
  • eccesso di apporto di sodio
  • fumo
  • gravidanza
  • sovrappeso e obesità
  • diabete

Chi soffre spesso di gonfiore ai piedi e in generale agli arti inferiori, può di conseguenza agire quasi sempre sullo stile di vita e sulle proprie abitudini per migliorare o combattere questo disturbo.

Prevenzione

Per prevenire i piedi gonfi, ma anche il gonfiore a caviglie e gambe è fondamentale combattere la sedentarietà. Poiché alla base di questo disturbo c’è un problema di circolazione sanguigna e linfatica, rimanere per troppo tempo seduti o in piedi non può che aggravare la situazione. La vita sedentaria, inoltre, può far aumentare di peso e, come abbiamo visto, sovrappeso e obesità peggiorano ulteriormente il gonfiore ai piedi. Svolgere una moderata ma costante attività fisica può quindi aiutare molto a prevenire i piedi gonfi perché va ad agire sulla causa principale di questo disturbo e poiché consente di mantenere il peso ideale o di smaltire i chili di troppo. Per riattivare la circolazione può essere sufficiente allenarsi tre o quattro volte a settimana, anche a casa, e camminare ogni giorno per almeno mezzora. Contro i piedi gonfi sono poi utili tutte quelle attività che prevengono il ristagno di liquidi negli arti inferiori: sollevarsi sulle punte dei piedi dieci/venti volte nel corso della giornata, sdraiarsi mantenendo le gambe in verticale o dormire con un cuscino nella zona dei piedi sono esempi di tali attività.

Altre strategie preventive riguardano l’astensione al fumo di sigaretta, la riduzione di sale attraverso gli alimenti e la scelta di calzature e indumenti comodi. Tutti questi fattori incidono in modo negativo sulla circolazione sanguigna e linfatica: il fumo provoca vasocostrizione, l’eccesso di sodio aumenta la ritenzione di liquidi e la pressione sanguigna, l’uso di scarpe strette e di indumenti attillati “comprimono”, rallentando la circolazione. Per risvegliare la circolazione sanguigna e prevenire i piedi gonfi dunque, oltre al movimento è utile seguire una dieta povera di sale, smettere di fumare e prediligere la comodità.

Rimedi

Poiché i piedi gonfi dipendono soprattutto da problemi circolatori, i rimedi naturali adatti a contrastare questo disturbo saranno quelli che migliorano il tono venoso e il microcircolo. Ottimi a questo scopo sono, ad esempio, il pungitopo o rusco, la vite rossa e l’ippocastano da associare a edera e betulla. Perfetti anche i frutti rossi, ricchi di flavonoidi con azione antiossidante e in grado di favorire la circolazione, come ad esempio mirtilli, ribes, more e lamponi, da aggiungere all’alimentazione abituale e che si possono anche assumere come integratori.

Per migliorare la circolazione e combattere i piedi gonfi si può ricorrere anche a massaggi, non solo localizzati ai piedi ma in generale a tutti gli arti inferiori. L’ideale sarebbe rivolgendosi a professionisti e professioniste che sappiano effettuare massaggi linfodrenanti ma, se ciò non fosse possibile, in alternativa si può procedere con il massaggio fai da te. Il massaggio può essere eseguito nell’area di piedi e caviglie o su tutte le gambe partendo dai piedi e dalle caviglie per procedere poi verso anche e glutei, con movimenti circolari dal basso verso l’alto. I massaggi a piedi, caviglie o anche a tutte le gambe può essere ripetuto anche ogni giorno, in qualsiasi momento della giornata, a seconda delle proprie esigenze. Per ottenere il massimo dei benefici, il massaggio può essere eseguito con un olio da massaggio a base di olio vegetale e oli essenziali di ginepro, cedro e menta: per prepararlo è sufficiente versare in una bottiglia di vetro scuro cinquanta millilitri di olio di girasole, di oliva o di mandorle dolci e unire dieci-quindici di ogni olio essenziale. Dopodiché si chiude la bottiglia, si agita leggermente e si lascia riposare per un giorno prima dell’uso.

Un aiuto in più può arrivare da pediluvi, bagni e semicupi lasciando la parte inferiore del corpo o solo i piedi immersi in una soluzione di acqua e sale grosso per quindici-venti minuti. Contro i piedi gonfi sono poi efficaci le docce con getti d’acqua calda e fredda alternati: questa tecnica consente di rilassare e contrarre i vasi sanguigni che così sono costretti a una sorta di “ginnastica” che ne aumenta il tono nel tempo.