Le erbe nel piatto. Il rosmarino contro i chili di troppo

Con la ricetta del Pollo Bros con patate a cura dello chef Giorgio Purificato. Un concentrato di aromi e profumi che ricorda l’estate

Luana Trumino

Luana Trumino Esperta di benessere

Bardana (Articum lappa), cannella (Cinnamomum cassia), origano. E oggi anche rosmarino. Grazie alle nuove scoperte della scienza, l’elenco delle spezie che sembrano migliorare la tolleranza al glucosio, e dunque tenere a bada i valori della glicemia e la conseguente secrezione di insulina, si allarga. In particolare, i ricercatori del dipartimento di scienze nutrizionali dell’Università dell’Illinois hanno scoperto che il rosmarino è ricco di composti che potrebbero combattere il diabete alimentare di tipo II. Lo studio, pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, ha dimostrato che i polifenoli e i flavonoidi contenuti in questa spezia, infatti, “sono in grado di inibire alcuni enzimi, chiamati PTP1B e DPP-IV, che giocano un ruolo chiave nella secrezione dell’insulina”, ha spiegato Elvira Gonzalez de Mejia, autrice della ricerca.

Un concentrato di virtù anche nell’olio essenziale

Secondo uno studio, pubblicato sul Journal of Neurological and Orthopaedics Medicine and Surgery e condotto su più di 3.000 pazienti negli Sati Uniti, inalare alcuni tipi di oli essenziali, tra cui quello di rosmarino, potrebbe risultare efficace per facilitare il dimagrimento di volontari sani. Secondo la ricerca, non solo la perdita di peso è stata maggiore nei volontari che avevano fatto uso degli inalatori, ma anche la discesa dell’ago della bilancia è risultata direttamente proporzionale alla frequenza di inalazione. 

“Non è un caso che, fin dall’antichità, al rosmarino erano attribuite virtù magiche, tanto che nel Medioevo si aveva l’abitudine di realizzare oggetti di ogni tipo con il legno del rosmarino”, aggiunge Giorgio Purificato, chef e pasticcere professionista, autore del libro “Le aromatiche nel piatto”. Una pianta che richiama il profumo del mare e che rappresenta l’ingrediente ideale per esaltare le nostre preparazioni sia estive sia invernali. “Per alcuni, l’etimologia del suo nome deriverebbe dal latino da rosa e Maris, cioè ‘rosa del mare’. Secondo altri, invece, da rhus e maris che significa ‘arbusto di mare’. Infatti, è una pianta strettamente legata al mare poiché cresce spontanea sulle scogliere che affacciano sul Mediterraneo. Nel genere rosmarino, oltre al Rosmarinus officinalis, esistono numerose varietà che si differenziano per la maggiore o minore presenza di olio essenziale e per il portamento”. In cucina può essere usato con molti ingredienti, ma è con la carne che riesce ad esaltare al massimo le sue proprietà aromatiche.

La ricetta del Pollo Bros di Giorgio Purificato

Ingredienti per 4 persone
4 cosce di pollo
4 ali di pollo

4 sovracosce di pollo
1 bottiglia di birra rossa 

Rosmarino
Salvia
1 spicchio aglio
Olio Evo q.b.
Sale q.b.

700 g di patate rosse

Procedimento

In una ciotola, condire il pollo con sale, olio EVO e mescolare con le mani. Adagiare il pollo in un tegame antiaderente con la parte della pelle rivolta verso il basso, unire lo spicchio di aglio in camicia schiacciato, i ramoscelli di rosmarino e qualche foglia di salvia. Versare due dita di birra nel tegame, in modo da non ricoprire il pollo (se necessario bisogna aggiungerla durante la cottura), mettere il coperchio e cuocere a fuoco basso per circa un’ora o un’ora e mezza, in relazione alla grandezza del pollo (se il pollo è ruspante i tempi di cottura si raddoppiano). Durante la cottura, mantenere sempre il livello di birra costante. Al termine togliere il coperchio, gli aromi, alzare la fiamma e far rosolare il pollo, ponendo particolare attenzione nel non bruciarlo 

Nel frattempo, sciacquare bene le patate rosse sotto abbondante acqua, tagliarle a spicchi con tutta la buccia e sbollentarle un minuto in acqua bollente. Scolarle molto bene, adagiarle su una teglia da forno e condire, mescolando, con sale, una spruzzata di birra e abbondante olio EVO. 

Infornare a 200 gradi per 30 minuti, avendo cura di girarle almeno tre o quattro volte durante la cottura. 10 minuti prima del termine della cottura, inserire uno spicchio di aglio schiacciato e il rosmarino, rinfornando fino a fine cottura.

Servire il pollo accompagnando con le patate, irrorare con il fondo di cottura e decorare con qualche ciuffo di salvia e rosmarino.

Luana Trumino

Luana Trumino Esperta di benessere Sono PR, autrice e ideatrice di progetti di comunicazione. Da oltre 10 anni mi occupo di benessere e della divulgazione della cultura della salute. In particolare mi interessa divulgare i princìpi della corretta alimentazione, con l'obiettivo di contrastare sovrappeso e obesità

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Le erbe nel piatto. Il rosmarino contro i chili di troppo