Santoreggia, l’erba speciale che aiuta a controllare il colesterolo

Erba super versatile in cucina, la santoreggia è ricca di principi nutritivi importanti per la salute

La santoreggia è un’erba aromatica speciale. Appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, ha il pro di essere estremamente versatile in cucina. Utilizzata per insaporire diverse preparazioni, si contraddistingue anche per benefici degni di nota per la salute.

Tra questi, come evidenziato anche dagli esperti del gruppo Humanitas, è possibile citare la capacità di aiutare a tenere sotto controllo il colesterolo. Per questa proprietà, dobbiamo dire grazie alla presenza di fibre.

Quando si parla della santoreggia, è il caso di citare numerosi altri motivi per cui vale la pena aggiungerla alla propria dieta. In questo novero è possibile citare la presenza di antiossidanti preziosi come la vitamina A, fondamentale per la bellezza della pelle e per l’efficienza della vista, e la vitamina C, amica del sistema immunitario.

La santoreggia è anche fonte di vitamine del gruppo B, per non parlare dei minerali. Per quanto riguarda questi ultimi, troviamo il calcio, il potassio, essenziale per la regolarità pressoria e di riflesso per la salute del cuore, ma anche il magnesio, il fosforo, il ferro e il sodio, oltre al manganese.

La santoreggia – che può essere estiva e invernale, varietà che si contraddistingue per un sapore particolarmente intenso – è celebre anche per la sua efficacia battericida e fungicida. Nel caso specifico della santoreggia invernale, diversi studi parlano di suoi effetti positivi relativi alla vasodilatazione e allo stimolo della diuresi.

Parlare dei benefici di questa popolarissima erba è importante. Ugualmente cruciale è mettere in primo piano anche le controindicazioni all’assunzione. Tra queste, è possibile citare la presenza di disturbi della coagulazione. La santoreggia, infatti, può rallentare questo processo.

Per quanto riguarda le sue interazioni con farmaci, è il caso di ricordare la capacità di influenzare l’azione di medicinali caratterizzati dalla presenza di litio. Se si ha intenzione di andare sul sicuro, la cosa giusta da fare prima di introdurla nei propri schemi alimentari è chiedere consiglio al proprio medico curante. 

Se non sussistono problemi, ci si può sbizzarrire in cucina utilizzandola per dare un tocco di sapore in più alle verdure saltate in padella o come ingrediente di una gustosa frittata. Da non dimenticare è anche la possibilità di renderla protagonista di salutari infusi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Santoreggia, l’erba speciale che aiuta a controllare il colester...