Attività sessuale, perché il digiuno fa bene

Il digiuno intermittente, che favorisce la produzione di dopamina e la salute delle arterie, è un toccasana per il sesso

La pratica del digiuno – ovviamente controllata a livello medico – può aiutare a migliore la vita sessuale.

La restrizione calorica, come ricordato anche dal Dottor Stefano Erzegovesi, nutrizionista e responsabile del centro per i disturbi alimentari del San Raffaele di Milano, comporta vantaggi in diversi ambiti della vita quotidiana, compreso il sesso.
A suo dire, sono numerosi i pazienti che, dopo aver vissuto un percorso di digiuno terapeutico, rimangono sorpresi dai miglioramenti della libido sessuale. Per essere precisi, i vantaggi arrivano soprattutto dal digiuno intermittente associato a una dieta mediterranea bilanciata.
Questo mix influisce positivamente sull’attività sessuale in quanto favorisce un aumento dei livelli di dopamina, neurotrasmettitore endogeno che regola i centri del piacere. Dando spazio al consumo di antiossidanti provenienti da vegetali e legumi, è possibile ottimizzare anche la produzione di ossido nitrico, un mediatore della vasodilatazione e, di riflesso, un alleato della potenza dell’erezione maschile.

Il digiuno intermittente è inoltre in grado di migliorare l’efficienza funzionale delle arterie del cuore e dei vasi ematici che irrorano l’apparato genitale. Da citare è anche l’influenza positiva sui neuroni e sui livelli di stress, che diminuiscono drasticamente con ovvie conseguenze positive su un momento di assoluta spensieratezza come il sesso.

Erzegovesi non è certo il primo a parlare dei benefici del digiuno per la vita sessuale. Interessante a tal proposito è anche uno studio del 2014. La ricerca in questione, condotta da un’equipe scientifica della Yale School of Medicine, ha individuato alcune attività che, generalmente, riescono meglio quando non si è a stomaco pieno. Tra queste, è presente il sesso.
Il motivo è molto semplice da capire e chiama in causa la digestione, un processo fisicamente complesso, soprattutto dopo aver mangiato troppo. Nel caso degli uomini reduci da abbuffate, la digestione può comportare difficoltà nell’erezione, dal momento che il sangue necessario per raggiungerla è “impegnato” a livello dello stomaco. Fare l’amore a stomaco vuoto fa bene anche alle donne, che possono provare fastidio fisico a causa della sensazione di pesantezza e sperimentare cali di desiderio.

Per ottenere gli effetti positivi sopra ricordati, si deve parlare di digiuno moderato. Quello estremo, oltre ad essere pericoloso fisicamente, può infatti provocare episodi di irritabilità, non certo alleati della qualità della vita sessuale e dell’aumento della libido.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Attività sessuale, perché il digiuno fa bene