Il formaggio fa male all’ambiente tanto quanto la carne

Il formaggio fa male all'ambiente: l'″Environmental Working Group lo considera al 3° posto nell'elenco degli alimenti meno eco-sostenibili

Il formaggio nuoce all’ambiente: dopo carne e pesce, nel bilancio degli alimenti meno eco-sostenibili vengono inseriti anche i prodotti caseari. Mangiare Asiago e Parmigiano, quindi, non solo innalzerebbe i livelli di colesterolo, ma contribuirebbe al fenomeno del riscaldamento globale.

Da qualche tempo gli allevamenti vaccini vengono guardati con sospetto da ambientalisti ed ecologisti: un bovino beve, infatti, 50 litri d’acqua al giorno. In un pianeta come il nostro che, in alcune regioni, muore letteralmente di sete, sembra un paradosso consumare così tante risorse per garantire che sulle nostre tavole non manchi mai una bistecca.

Il discorso diventa ancora più complicato se consideriamo che una vacca da mungere consuma quotidianamente 200 litri di acqua, calcolando l’irrigazione dedicata ai suoi pascoli. È evidente, quindi, come anche latte e derivati non siano alimenti adatti per la salute della Terra. Per questo motivo l’Environmental Working Group, che della tutela dall’ambiente ha fatto la propria missione, considera il formaggio nocivo per l’ambiente.

Bisogna quindi adottare una dieta vegana? La risposta è ″dipende″! Infatti, fortunatamente, non tutto il formaggio è nocivo per l’ambiente in eguale maniera: sarebbero da eliminare totalmente solo i formaggi ricchi di grassi, che necessitano di maggiori lavorazioni. Bisogna quindi dire addio a Mozzarella, Brie e Camembert.

Per poter continuare a gustare questo alimento così amato bisogna mettere in atto qualche accortezza: il formaggio a pasta molle e di breve stagionatura (come stracchino, ricotta e robiola) richiede un utilizzo di acqua molto inferiore rispetto a parmigiano e grana. Possibile, invece, utilizzare prodotti caseari realizzati con latte di capra: gli allevamenti ovini sono molto più sostenibili.

Ovviamente le linee guida generali per un’alimentazione responsabile sono sempre le stesse: preferire alimenti a chilometro zero e biologici, a qualsiasi famiglia nutrizionale essi appartengano. È inutile criminalizzare il cibo se poi è il comportamento del consumatore a non essere diligente.

Il formaggio fa male all’ambiente tanto quanto la carne