Grano, come può contrastare l’effetto dannoso del glutine

Il grano, importante fonte di carboidrati, contiene in sé anche elementi utili a combattere gli effetti negativi del glutine

La scoperta ha un po’ del sorprendente: alcuni componenti del grano svolgono un’utile azione contro i danni del glutine. È la conclusione di uno studio condotto da un gruppo associato di ricercatori di diverse università e pubblicato dall’Istituto Nazionale della Salute degli Stati Uniti.

Gli studiosi hanno svelato quella che hanno chiamato la Janus Face del grano. Il cereale, infatti, proprio come il mitico dio greco, avrebbe una vera e propria natura bifronte: se da una parte è una delle maggiori fonti di glutine, dall’altra si è scoperto, grazie a questo recente studio, che i prebiotici derivati ​​dal grano contrastano l’effetto dannoso del glutine sull’omeostasi metabolica, osservando un gruppo di topi alimentati con una dieta molto ricca di grassi e zuccheri.

Come si sa i cereali sono molto ricchi di carboidrati, ma oltre a ciò contengono anche altri nutrienti che potrebbero influire sull’adiposità. Il team di ricercatori ha analizzato il contributo del glutine sull’obesità e gli effetti dei prebiotici che possono essere estratti dai cereali contenenti glutine. I prebiotici in questione sono l’arabinoxylo-oligosaccharides e il frutto-oligosaccharides.

Gli esperimenti che hanno portato a concludere che i prebiotici del grano sono utili contro il glutine sono stati condotti su un gruppo di cavie da laboratorio. I topi sono stati alimentati con una dieta detta “occidentale”, che riflette le abitudini alimentari della popolazione dei Paesi industrializzati e in cui il glutine ammontava al 5% delle sostanze ingerite.

In questa dieta è stato poi introdotto il prebiotico del grano e gli scienziati hanno potuto osservare che con questa aggiunta il glutine non ha aumentato il peso corporeo dei topi o la permeabilità intestinale e ha avuto anche un minore impatto infiammatorio rispetto a quello che avviene normalmente. Quindi l’effetto del prebiotico del grano in una dieta piena di glutine è stato evidente: la molecola del cereale ha agito riducendo il peso corporeo dei topi e l’adiposità nei muscoli.

Gli scienziati hanno quindi potuto concludere che, se è vero che il glutine può influire negativamente sul metabolismo, il loro studio prova che questi effetti sono ridotti quando il glutine viene consumato insieme alle fibre derivate dal grano e da altri cereali, confermando l’importanza dei cereali integrali ricchi di fibre per la nostra salute.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Grano, come può contrastare l’effetto dannoso del glutine