Cime di rapa: l’aiuto naturale per combattere la stanchezza invernale

Grazie all’apporto di ferro e vitamina C, hanno proprietà rimineralizzanti. Ma stimolano anche la diuresi e proteggono da tumori e malattie cardiovascolari.

Luana Trumino Editor specializzata in Salute&Benessere

Le cime di rapa, vegetali appartenenti alla famiglia delle Crucifere (così come cavoli, broccoli, verze ecc…) sono una vera e propria istituzione della cucina mediterranea, in particolare di Lazio, Puglia e Campania, dove vengono consumate lesse, ripassate in padella con aglio e olio oppure abbinate alla pasta. 

Non tutti sanno che però, oltre a rappresentare un gustoso ingrediente, le loro foglie più tenere si rivelano delle grandi alleate dell’organismo, per depurare, drenare e proteggere dall’invecchiamento e dai tumori, oltretutto con pochissime calorie (100 grammi di cime di rapa contengono solo 29 calorie), rendendole perfette anche nei regimi dimagranti.

Verdure tipicamente invernali, si raccolgono tra novembre e febbraio.

Cosa contengono

Secondo le tabelle di composizione degli alimenti, 100 g di cime di rapa bollite contengono ben 90.9 grammi di acqua, mentre per quanto riguarda gli altri nutrienti ci sono 3.1 g di proteine, 2.1 g di zuccheri e 0.3 g di grassi. 

Registrati a DiLei per continuare a leggere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cime di rapa: l’aiuto naturale per combattere la stanchezza invernal...