Anche le bibite “Diet” e “Light” fanno ingrassare

Se consumate regolarmente e anche in piccole quantità, le bibite cosiddette "light" e "diet", sebbene senza zucchero, danneggerebbero i reni, i denti e creerebbero danni al metabolismo, provocando aumento di peso: ne basta una al giorno, secondo gli esperti, per aumentare nel giro di 10 anni di cinque volte la circonferenza dell’addome rispetto a chi non consuma questo tipo di bevande. Tra i ricercatori che da anni studuano il fenomeno ci sono Sharon Fowler e Katherine Tallmadge; l’ultimo studio che conferma il fenomeno è una nuova ricerca dell’Università del Texas.

Il meccanismo è provocato da un perverso processo metabolico che fa sì che nostro organismo associ al sapore dolce una certa quantità di calorie da bruciare. Se però l’apporto calorico reale non corrisponde a quello atteso (perché le bevande sono dolcificate) il corpo se ne accorgerà e tenderà a non bruciare le calorie preventivate. Non solo: per una sorta di assuefazione metabolica il corpo continuerà a non bruciare calorie anche quando il cibo ingerito sarà realmente dolce e calorico.

Le bevande dolcificate in pratica alterano il metabolismo, abituano l’organismo a non bruciare calorie e introducono nella dieta dolcificanti artificiali come aspartame e saccarina, considerati poco salutari da varie ricerche.
Lo stesso vale per gli additivi utilizzati negli alimenti pubblicizzati come arricchiti di fibre o vitamine, in realtà dannosi per la salute e non si salvano nemmeno le acque aromatizzate, le bevande a base di sali minerali e le patatine "non fritte", che saranno anche non fritte ma in compenso abbondano di sale e calorie.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Anche le bibite “Diet” e “Light” fanno in...