Lenti a contatto, come usarle in sicurezza

Le cinque regole fondamentali per proteggere gli occhi se si usano le lenti a contatto

Federico Mereta Giornalista Scientifico Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

Lavatevi spesso le mani. È, insieme all’uso regolare delle mascherine e al distanziamento, uno dei tre principi base in tempo di Covid-19. L’igiene delle mani, peraltro, va ricordata anche per la protezione degli occhi, che, come è noto, possono diventare una “porta d’accesso” per il virus e che possono risentire direttamente dell’infezione, manifestando una congiuntivite. Come comportarsi, quindi, se si impiegano lenti a contatto? Ecco alcuni consigli per un impiego sicuro di questi dispositivi che vengono dalla società scientifica internazionale Tear Film & Ocular Surface Society (TFOS).

Attenzione alla secchezza oculare e non solo

Mediamente ogni giorno un adulto produce 1-2 microlitro di lacrime al minuto, ma di notte la produzione di lacrime si azzera. La costante produzione di lacrime è necessaria perché almeno un terzo del liquido prodotto evapora.

L’ammiccamento, che mediamente si ripete per almeno cinque volte al minuto, ha il compito di ripristinare il film lacrimale. In alcune circostanze, tuttavia, questo meccanismo non funziona regolarmente. E possono comparire fastidi come la sensazione di avere qualcosa nell’occhio, prurito oculare, arrossamento, ovvero i diversi sintomi della secchezza oculare.

L’occhio secco rappresenta il più comune fastidio riscontrato dai portatori di lente e contatto che si lamentano del disconfort causato dalla lente.  Si tratta di una situazione molto frequente che  può nascere più facilmente  in seguito all’azione di diversi elementi come l’esposizione ai raggi solari, l’ambiente polveroso o comunque inquinato, la presenza di aria condizionata con conseguente calo dell’umidità ambientale, le giornate ventose e l’esposizione protratta allo schermo del computer. Questo ultimo elemento, in particolare, rappresenta oggi un fattore chiave per il successo di una lente a contatto, visto che moltissime persone lavorano quotidianamente per diverse ore al Pc.

La secchezza oculare può rappresentare una pesante barriera all’impiego regolare di lenti a contatto.  Basta questo semplice esempio per capire come sia necessario avere una particolare attenzione alle lenti a contatto. “Negli ultimi mesi gli oltre due milioni e mezzo di portatori di lenti a contatto in Italia hanno riscoperto quanto sia importante la “compliance” ossia l’attenzione a quei comportamenti fondamentali per l’utilizzo sicuro dei loro dispositivi per la correzione dei difetti della vista” – è il commento di Fabrizio Zeri, Ricercatore  e docente presso il Dipartimento di Scienze dei Materiali dell’Università Bicocca di Milano e Visiting Research Fellow della School of Life and Health Sciences dell’Aston University. Anche in questo caso l’attenzione è posta sul lavarsi le mani in modo corretto prima di manipolare le lenti a contatto.”

Una campagna dedicata

Per ricordare quanto l’igiene sia fondamentale per i portatori di lenti a contatto decolla la campagna “Occhi Sani nelle Tue Mani”, progetto di sensibilizzazione dedicato alle lenti a contatto e al loro utilizzo in sicurezza, promossa dalla società scientifica internazionale TFOS, leader nell’educazione alla salute dell’occhio, e sostenuta da ASSOTTICA gruppo Contattologia.

“Talvolta i portatori hanno la percezione di seguire comportamenti corretti per l’utilizzo in sicurezza delle lenti a contatto nella propria quotidianità – sottolinea Stefano Barabino, Responsabile del Centro Superficie Oculare e Occhio Secco dell’Ospedale L. Sacco di Milano e ambasciatore della TFOS. In realtà si possono commettere disattenzioni che sono semplicissimi da evitare. Oggi è fondamentale aumentare la condivisione di queste regole, per aiutare i portatori di lenti a contatto a comprendere i vantaggi di un comportamento adeguato.”

Le regole sono anche state riassunte nel video educazionale “Occhi Sani nelle Tue Mani” in cui sono i bambini a dare agli adulti le indicazioni del comportamento corretto. Si tratta di lavare e asciugare le mani prima di maneggiare le lenti a contatto, non far mai entrare le lenti in contatto con l’acqua, non dormire con le lenti a contatto e disinfettarle con soluzione nuova dopo ogni utilizzo. Se si indossano lenti giornaliere monouso, è importante gettarle via dopo averle tolte e non riutilizzarle. Bisogna poi seguire le istruzioni del produttore e le indicazioni dello specialista.

Cinque regole per proteggere gli occhi

1) Lava e asciuga sempre le mani prima di maneggiare le lenti a contatto.

2) Le lenti a contatto non devono entrare in contatto con l’acqua.

3) Non dormire con le lenti a contatto salvo diversa indicazione dello specialista.

4) Disinfetta le lenti a contatto dopo ogni utilizzo con soluzione nuova. Se utilizzi lenti a ricambio giornaliero gettale via dopo ogni utilizzo. Segui le istruzioni fornite dal produttore e le indicazioni dello specialista.

5) Pulisci ogni giorno il portalenti con soluzione nuova e fallo asciugare all’aria rivolto verso il basso. Sostituiscilo ogni mese.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lenti a contatto, come usarle in sicurezza