Dieta, le migliori della settimana dal 14 al 19 novembre

Dalla dieta per il metabolismo lento al prezioso ruolo degli antiossidanti: ecco i migliori consigli dei nostri esperti

Tutto ciò che portiamo in tavola va ad influire sul nostro benessere: adottare una dieta sana ed equilibrata ci aiuta a ritornare in forma e a perdere quei fastidiosi chili di troppo senza troppa fatica. Ma quali sono i cibi da scegliere e quelli invece da evitare? Scopriamo qualcosa in più con i consigli dei nostri esperti, per prepararci all’inverno.

La dieta per il metabolismo lento

Scegliere la giusta dieta per ogni esigenza è fondamentale: il rischio è di fare tanti sforzi senza raggiungere alcun risultato. “È sul fattore metabolico che dobbiamo concentrarci” – spiega il prof. Marcello Mandatori, docente di nutrizione all’Università Tor Vergata di Roma e autore del libro La dieta metabolica. L’obiettivo è quello di portare in tavola gli alimenti giusti, senza adottare un regime troppo drastico che potrebbe privare il nostro organismo di nutrienti fondamentali. Seguendo pochi e semplici consigli, si può arrivare a perdere fino a 10 kg.

Per chi soffre di metabolismo lento, l’ideale sarebbe ridurre tutti quei cibi ricchi di purine, come le carni rosse e il pesce azzurro. Via libera invece ai cereali (inclusa la pasta), alla carne bianca, al pesce magro e ai formaggi freschi. Inoltre è possibile mangiare tutti i tipi di frutta, verdure a foglia verde e legumi, preferibilmente freschi anch’essi. Non è importante contare le singole calorie, bensì seguire lo schema alimentare proposto dal prof. Mandatori scegliendo tra le varie alternative possibili.

Bresaola, i benefici e le proprietà nutrizionali

I salumi andrebbero sempre consumati con grandissima moderazione, ma non è questo il caso della bresaola. Il suo basso contenuto calorico e le sue proprietà nutrizionali lo rendono infatti un alimento preziosissimo, soprattutto per gli sportivi e per i ragazzi in fase di crescita. Insomma, è la scelta ideale per tutta la famiglia e un ingrediente genuino in grado di portare tanto sapore in tavola. Innanzitutto, la bresaola è un’importante fonte proteica: in ogni fase della nostra vita abbiamo bisogno di un ingente apporto di proteine, i “mattoncini” dell’organismo.

Pur essendo un salume, inoltre, possiede un quantitativo di sodio veramente ridotto ed è quindi un vero alleato della salute cardiovascolare. Anche i grassi sono molto limitati, e per la maggior parte sono costituiti da acidi grassi monoinsaturi, fondamentali per la prevenzione dell’arteriosclerosi. La presenza di vitamine del gruppo B e di importanti minerali come potassio, fosforo e ferro vanno ad arricchire ulteriormente il profilo nutrizionale della bresaola, a conferma dell’importanza di inserirla in una dieta equilibrata.

Antiossidanti: a cosa servono e dove si trovano

Tra le sostanze più importanti per la nostra salute ci sono gli antiossidanti, molecole presenti in molti cibi e in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi. Molti studi hanno evidenziato come lo stress ossidativo sia un fattore di rischio per l’insorgenza di numerose malattie come infarto, arteriosclerosi e morbo di Alzheimer. Appare subito chiaro, dunque, il ruolo protettivo degli antiossidanti e l’importanza di assumerne in gran quantità attraverso la dieta.

Dove possiamo trovarli? Frutta e verdura ne sono particolarmente ricche: i carotenoidi sono ad esempio presenti nelle verdure a foglia verde e in tutti quegli alimenti dal colore giallo/arancio (come la carota e la zucca). Il pomodoro è invece un’ottima fonte di licopene, mentre i tocoferoli abbondano nella frutta secca, nell’olio extravergine d’oliva e nelle uova. Il manganese, anch’esso dalle proprietà antiossidanti, è presente in numerose spezie ed erbe aromatiche, quindi è facile integrarlo nella nostra alimentazione.