Mangiarsi le unghie: ecco le conseguenze

Quali sono le conseguenze del mangiarsi le unghie? Dai problemi estetici alle difficoltà di digestione e di debolezza dei denti nei casi più gravi

L’onicofagia, conosciuta come l’abitudine di mangiarsi le unghie, è un disturbo compulsivo e come tale può portare ad alcune conseguenze spiacevoli.

Infatti, questo comportamento non porta con se solo problemi di estetica, comunque fastidiosi visto che le mani sono il nostro biglietto da visita. Mangiarsi le unghie ha anche conseguenze più serie. Cerchiamo di capire quali sono e perché è meglio liberarsi da questo comportamento malsano.

Innanzitutto è giusto dire che l’onicofagia è causata da ansia, stress e a volte anche dalla noia, quindi, mangiarsi le unghie diventa una risposta per gestire una situazione emotivamente difficile. Ovviamente i problemi più evidenti riguardano il dolore, l’arrossamento e, a volte, il sanguinamento delle dita.

Infatti, chi tende a mangiarsi le unghie a volte si spinge anche oltre e morde anche la pelle nella parte finale delle dita. Come abbiamo accennato, una persona che mostra questi segni oltre ad avere un problema di estetica trasmette, nella maggior parte dei casi, una sensazione di insicurezza e timidezza. In alcuni contesti questa sensazione è sicuramente svantaggiosa, come ad esempio ad un colloquio di lavoro.

Fra i problemi più importanti invece troviamo l’indebolimento della pelle alla base e attorno alle unghie, cosa che rende l’unghia stessa più fragile e più soggetta alla rottura (evento spiacevole soprattutto per una donna). Inoltre questa vulnerabilità apre la strada anche a varie infezioni che possono portare ad arrossamenti e gonfiori, fino al classico Patereccio (chiamato anche giradito).

Le conseguenze per chi si mangia le unghie però non si fermano alle sole mani, infatti in alcuni casi questa abitudine può compromettere i denti (fino alla comparsa di carie), visto che viene intaccato lo smalto, e le gengive che con il tempo possono presentare delle lesioni.

Proseguendo poi nei casi più gravi, i batteri che si depositano sotto alle unghie possono causare dei problemi di stomaco come ad esempio stitichezza o addirittura la presenza di sangue nelle feci.

Mangiarsi le unghie quindi non è solo un’abitudine antiestetica ma, può compromettere anche la salute sotto diversi aspetti, quindi, è bene correre ai ripari, magari attraverso l’uso di appositi smalti dal gusto amaro che sono spesso una delle soluzioni più economiche possibili.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mangiarsi le unghie: ecco le conseguenze