Amore tantrico e tecniche yoga

La parola Tantra, nel mondo occidentale generalmente associata a tecniche sessuali per prolungare il piacere, deriva da una radice che significa "espandere, tessere, ampliare la coscienza".

In realtà il Tantra Yoga implica una continuità che va al di là del piano fisico e mette a disposizione pratiche che hanno come obiettivo l’espansione della coscienza umana, attraverso l’armonizzazione dell’energia maschile e femminile.

Al centro delle tecniche Tantra c’è la respirazione durante l’incontro amoroso: se correttamente utilizzata, aiuta a rimanere rilassati e concentrati e a ritardare l’orgasmo.
Lo Yoga Pranayama (tecnica di respirazione per il controllo del prana) si occupa di come migliorare la respirazione, fornendo numerose tecniche estremamente potenti ed efficaci.
 

Il sesso tantrico implica un modo particolare di concepire il sesso, lontano dalla concitazione e dall’ansia di prestazione che spesso rovina il rapporto. Al centro della visione tantrica del sesso ci sono una profonda rilassatezza, calma e lentezza, il non pensare al raggiungimento del piacere per sé e per il partner, la consapevolezza delle proprie sensazioni, la concentrazione senza distrazioni esterne e soprattutto il respiro, che deve essere lungo e profondo. 

Le tecniche di amore tantrico prevedono inoltre una serie di contrazioni muscolari, tra cui Mula Banda (contrazioni delle parti basse posteriori) o Yoni Mudra (bilanciamento dell’energia tra le due mani).

Amore tantrico e tecniche yoga