Quali dolci possono mangiare i diabetici e in che quantità

Pensate che i diabetici debbano rinunciare completamente ai dolci? Non è proprio così, certo devono stare attenti e saper scegliere quelli più adatti a loro.

Foto di Biagio Flavietti

Biagio Flavietti

Farmacista e nutrizionista

Farmacista e nutrizionista, gestisce dal 2017 una pagina di divulgazione scientifica. Appassionato di scrittura ed editoria, lavora come Web Content Editor per alcune realtà del settore farmaceutico e nutrizionale.

Il diabete è una condizione patologia cronica che influisce sulla capacità dell’organismo di utilizzare lo zucchero nel sangue. Le persone che soffrono di diabete devono monitorare attentamente la loro dieta per mantenere stabili i livelli di glicemia. Uno degli aspetti più problematici per i diabetici è proprio il consumo di dolci, spesso ricchi di zuccheri e carboidrati. Tuttavia, nonostante i diabetici debbano stare alla larga dagli zuccheri, con le giuste conoscenze e alternative, anche loro possono godere di dolci senza compromettere la loro salute. In questo articolo analizzeremo i fattori che possono mettere in pericolo la salute di un diabetico, riportano anche alcune ricette utili per evitare la privazione da zuccheri.

Cos’è il diabete?

Il diabete è una malattia del metabolismo caratterizzata da alti livelli di zucchero nel sangue (iperglicemia) dovuti a un’alterata produzione o funzione dell’insulina, l’ormone che regola il glucosio nel sangue (glicemia). Esistono due principali tipi di diabete:

  • Diabete di Tipo 1: il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca e distrugge le cellule beta del pancreas, responsabili della produzione di insulina. Questo tipo di diabete richiede una somministrazione giornaliera di insulina e colpisce principalmente bambini e giovani adulti.
  • Diabete di Tipo 2: il diabete di tipo 2 è la forma più comune di diabete, in cui il corpo sviluppa resistenza all’insulina o non produce abbastanza insulina. È spesso associato a obesità, inattività fisica e alimentazione scorretta. Questo tipo di diabete può essere gestito con dieta, esercizio fisico e, in alcuni casi, farmaci ipoglicemizzanti o insulina.

Esiste anche un forma chiamata diabete gestazionale, che si instaura durante la gravidanza e, nella maggior parte dei casi, scompare dopo il parto. Tuttavia, le donne che hanno avuto un diabete gestazionale sono a maggior rischio di sviluppare diabete di tipo 2 nel loro futuro.

Perché i dolci possono essere problematici per i diabetici?

I dolci che tutti i giorni si presentano sulle nostre tavole sono spesso problematici per i pazienti diabetici perché contengono elevate quantità di zuccheri semplici e carboidrati raffinati, che possono causare rapidi aumenti dei livelli di zucchero nel sangue (glicemia). Un’elevata glicemia persistente può portare a complicazioni gravi come malattie cardiache, neuropatia e danni renali. Tuttavia, esistono soluzioni che permettono ai diabetici di godersi i dolci senza rischi significativi per la loro salute. In sintesi, si può dire che i dolci possono provocare squilibri ormonali e metabolici per i seguenti motivi:

  • Aumento della glicemia: i dolci contengono zuccheri semplici che vengono rapidamente assorbiti dal sangue, causando un picco glicemico.
  • Mancanza di fibre: i dolci sono generalmente poveri di fibre, che rallentano l’assorbimento degli zuccheri e favoriscono il senso di sazietà.
  • Calorie elevate: i dolci possono essere ricchi di calorie, favorendo l’aumento di peso, un fattore di rischio per il diabete di tipo 2.
  • Additivi e grassi: molti dolci industriali contengono additivi e grassi saturi o trans, in sostituzione degli zuccheri, che possono essere dannosi per la salute.

Soluzioni alternative per il consumo di dolci

I dolcificanti artificiali e naturali sono una delle principali strategie per rendere i dolci più sicuri per i diabetici. Questi dolcificanti alternativi non aumentano i livelli di zucchero nel sangue o , almeno, non lo fanno in modo significativo. Questi includono:

  • Stevia: un dolcificante naturale derivato dalla pianta Stevia rebaudiana. È molto più dolce dello zucchero ma ha zero calorie e non influenza la glicemia.
  • Eritritolo: un alcol zuccherino che fornisce dolcezza senza aumentare i livelli di zucchero nel sangue. Ha poche calorie e non causa problemi digestivi come altri alcoli zuccherini.
  • Sucralosio: un dolcificante artificiale derivato dal saccarosio. È molto dolce e non ha un impatto significativo sulla glicemia. Tutti questi elementi se assunti in eccesso possono provocare azione lassativa sull’intestino.

Le farine alternative sono rappresentate da farine raffinate con alternative a basso indice glicemico, che possono  aiutare a gestire meglio i livelli di zucchero nel sangue. Le farine che possono essere utilizzate includono:

  • Farina di mandorle: ricca di proteine e fibre, ha un basso impatto sulla glicemia.
  • Farina di cocco: alta in fibra e bassa in carboidrati netti, è una buona opzione per i dolci.
  • Farina di avena: anche se ha un contenuto di carboidrati più elevato, ha un indice glicemico più basso rispetto alla farina bianca. E’ ideale anche per le ricette sportive e di chi deve aumentare la propria massa muscolare.

Ricette di dolci per diabetici

Torta di mele senza zucchero

Ingredienti:

  • 2 tazze di farina di mandorle
  • 1/2 tazza di eritritolo
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1/4 cucchiaino di sale
  • 3 uova
  • 1/2 tazza di olio di cocco, sciolto
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 2 mele, sbucciate e tagliate a dadini

Procedimento:

  1. Preriscaldare il forno a 175°C e ungere una teglia.
  2. In una ciotola grande, mescolare la farina di mandorle, l’eritritolo, la cannella, il lievito, il bicarbonato e il sale.
  3. In una ciotola separata, sbattere le uova, l’olio di cocco e la vaniglia.
  4. Unire gli ingredienti umidi a quelli secchi, mescolando fino a ottenere un composto omogeneo.
  5. Aggiungere le mele tagliate a dadini e mescolare.
  6. Versare il composto nella teglia e cuocere per 30-35 minuti, o fino a quando uno stuzzicadenti inserito al centro della torta esce pulito.

Brownies al cioccolato con stevia

Ingredienti:

  • 1/2 tazza di farina di mandorle
  • 1/4 tazza di cacao in polvere
  • 1/4 tazza di eritritolo
  • 1/2 cucchiaino di lievito in polvere
  • 1/4 cucchiaino di sale
  • 1/4 tazza di burro, sciolto
  • 1/4 tazza di yogurt greco senza grassi
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1/4 tazza di gocce di cioccolato fondente senza zucchero

Procedimento:

  1. Preriscaldare il forno a 175°C e ungere una teglia quadrata.
  2. In una ciotola grande, mescolare la farina di mandorle, il cacao, l’eritritolo, il lievito e il sale.
  3. In una ciotola separata, sbattere il burro, lo yogurt, le uova e la vaniglia.
  4. Unire gli ingredienti umidi a quelli secchi, mescolando fino a ottenere un composto omogeneo.
  5. Aggiungere le gocce di cioccolato e mescolare.
  6. Versare il composto nella teglia e cuocere per 20-25 minuti, o fino a quando uno stuzzicadenti inserito al centro dei brownies esce pulito.

Gelato alla vaniglia con stevia

Ingredienti:

  • 2 tazze di panna da montare
  • 1 tazza di latte intero
  • 1/2 tazza di eritritolo
  • 2 cucchiaini di estratto di vaniglia
  • 1/4 cucchiaino di sale
  • 5 gocce di stevia liquida (opzionale)

Procedimento:

  1. In una ciotola grande, mescolare la panna, il latte, l’eritritolo, la vaniglia e il sale.
  2. Aggiungere la stevia liquida, se utilizzata, e mescolare bene.
  3. Versare il composto in una gelatiera e seguire le istruzioni del produttore.
  4. Una volta raggiunta la consistenza desiderata, trasferire il gelato in un contenitore e congelare per almeno 2 ore prima di servire.

Ovviamente anche le ricette di dolci per diabetici si devono considerare porzioni non troppo abbondanti e da inserire all’interno di un contesto alimentare sano ed equilibrato per il paziente affetto da tale patologia metabolica.

Come godersi i dolci con il diabete: consigli utili!

Non è necessario rinunciare completamente ai dolci se si ha il diabete. Con un po’ di attenzione e pianificazione, è possibile includerli nella propria dieta in modo moderato e responsabile. Ecco alcuni consigli:

  • Scegliere dolci adatti: optare per dolci con un basso contenuto di zuccheri semplici e carboidrati raffinati e un alto contenuto di fibre (come quelli sopra riportati). Ad esempio, torte o biscotti preparati con farine integrali, frutta fresca o secca, yogurt greco e dolcificanti naturali come il miele o la stevia. In generale, utilizzo di fibre permette di modulare l’assorbimento dei carboidrati a livello intestinale e ridurre quindi il picco glicemico post prandiale.
  • Moderare le porzioni: assumere i dolci con moderazione, evitando di eccedere con le quantità. Una piccola porzione di dolce può soddisfare la tua voglia di dolcezza senza causare picchi glicemici. Questo discorso va fatto anche per i dolci specifici per diabetici, sia fatti in casa che industriali.
  • Monitorare la glicemia: controllare sempre la glicemia dopo aver consumato un dolce per valutare il suo impatto sul tuo corpo. Questo aiuterà a capire come i diversi tipi di dolci influenzano i propri livelli di zucchero nel sangue e a fare scelte più consapevoli per il futuro.

In sintesi:

Diabetici e dolci con la frutta

Dai dolci troppo ricchi di zucchero e creme dovrebbero stare lontani tutti, non solo i diabetici. Mentre per altri la conseguenza naturale è quella di scegliere dolci alla frutta, i diabetici in realtà devono fare attenzione anche alla frutta. Alcune varietà, contengono dosi di zucchero più alte, si pensi alle banane o ai frutti tropicali, meglio preferire mele, frutti di bosco, pesche, albicocche, melograno, meno zuccherini e quindi meglio tollerati. La considerazione però non va fatta esclusivamente sulla fonte di zuccheri, ma anche e soprattutto sulla quantità totale di zuccheri e carboidrati introdotti durante tutta la giornata. Porzioni ridotte dunque sono fondamentali: il diabetico può concedersi una fetta di torta alla settimana, l’importante è non esagerare. Nel preparare un dolce alla frutta va considerato il fatto che la frutta essendo di suo zuccherina permette di usare meno zucchero nell’impasto.

Diabetici e ingredienti dei dolci

Altra questione importante è la composizione del dolce. Vanno preferiti quelli che privilegiano ingredienti a minor indice glicemico, come le farine integrali, i dolci poi dovrebbero essere poco o nulla zuccherati (esistono peraltro interessanti alternative allo zucchero), con confetture senza zuccheri aggiunti. Quanto ai dolci con frutta secca, va detto che noci, mandorle, nocciole e altri frutti secchi a guscio sono concessi, vanno invece evitati i canditi e la frutta disidrata dal momento che sono un concentrato di zuccheri. In merito all’utilizzo di yogurt nei dolci, è sempre da preferire quello bianco naturale senza zuccheri aggiunti. Via libera anche a un quadretto di cioccolato fondente, l’importante è che la pasta di cacao la faccia da padrone e che la percentuale di zuccheri aggiunti sia nulla o irrisoria. E il miele? Come lo zucchero incide sulla glicemia, però a suo vantaggio ha il fatto che essendo più dolce dello zucchero comune se ne può mettere meno per dolcificare. Attenzione infine ai dolci liquorosi: l’alcol contiene zuccheri.