Sintomi, cause e rimedi contro l’indigestione

L'indigestione è un disturbo allo stomaco che può avere diverse intensità. Scopri di più

La parola indigestione è un termine generico che si utilizza per indicare una serie di disturbi di varia natura che colpiscono il nostro apparato digerente. Spesso viene indicata anche con il termine dispepsia.

L’indigestione può essere un problema che si presenta in maniera occasionale, magari perché si ha esagerato un po’ con il cibo, oppure può essere cronica e presentarsi con una certa regolarità. Scopri perché insorge, quali sono i sintomi e i possibili rimedi.

Quali sono le cause dell’indigestione

Le cause dell’indigestione possono essere molteplici, come spiega il Dottor Norton J. Greenberger. Ecco alcune delle più comuni:

  • fare pasti eccessivamente abbondanti;
  • mangiare troppo velocemente;
  • mangiare cibi troppo grassi ed elaborati;
  • mangiare cibi piccanti o acidi;
  • assumere troppo alcool, caffè o bevande gassate;
  • assumere abitualmente farmaci che irritano lo stomaco, come antibiotici e antinfiammatori (FANS).

Anche lo stress, l’ansia e la depressione possono contribuire all’insorgere di problemi di digestione o a peggiorarli. In tutti questi casi, poiché la digestione risulta più difficoltosa, lo stomaco si dilata maggiormente, provocando una fastidiosa sensazione di gonfiore e produce più succhi gastrici; questi, rimanendo più a lungo a contatto con la mucosa gastrica, la irritano e provocano una sensazione di bruciore più o meno intensa.

L’indigestione può essere il sintomo di un disturbo specifico dell’apparato digerente. Tra i disturbi più comuni ci sono colecisti, gastrite, ulcera, calcoli biliari, colon irritabile e pancreatite. Nei casi più rari può essere la spia che indica la presenza di un tumore.

Quali sono i sintomi?

I sintomi dell’indigestione sono comuni e facilmente riconoscibili. Tra i meno gravi ci sono:

  • sensazione di pienezza e gonfiore addominale;
  • dolore e tensione all’addome;
  • mal di stomaco;
  • bruciore di stomaco;
  • reflusso gastroesofageo;
  • eruttazione frequente;
  • leggera nausea.

Se l’indigestione è piuttosto grave, i sintomi elencati qui sopra possono essere più marcati ed essere accompagnati da altri, che sono:

  • eccessiva salivazione;
  • eccessiva sudorazione con sudore freddo;
  • mal di testa.

Tutti i rimedi per l’indigestione

Solitamente, quando soffriamo di indigestione, ricorriamo subito ad un antiacido, come quelli a base di calcio, magnesio e alluminio o il dimeticone. A volte, bastano un po’ di acqua e bicarbonato di sodio, o del carbone vegetale, per eliminare il problema.

Chi preferisce evitare i farmaci, punta su dei rimedi più naturali, per curare l’indigestione, come tisane a base di melissa, semi di finocchio, liquirizia, zenzero e camomilla, oppure della semplice acqua e limone. Come suggeriscono gli esperti del Centro Medico Humanitas, tuttavia, prima di ricorrere a rimedi fai da te è sempre bene consultare il medico per un consiglio.

Se la causa dell’indigestione è lo stress, ricorrere a delle tecniche di rilassamento potrebbe aiutare a risolvere il problema, evitando che si ripresenti.

Come prevenirla ed eliminarla definitivamente

Spesso l’indigestione è un episodio isolato, altre volte si presenta in maniera più frequente. È proprio in questi casi che, dopo averne alleviato i sintomi con i rimedi proposti qui sopra, bisogna cercare di prevenirne l’insorgenza. Come? Mettendo in pratica alcuni semplici accorgimenti:

  • mangiare lentamente e senza fretta, masticando bene i bocconi;
  • evitare i pasti troppo abbondanti;
  • preferire cibi più leggeri e poco elaborati;
  • se si hanno spesso i sintomi dell’indigestione, si dovrebbe limitare il consumo di alcolici, caffeina, bibite gassate e cibi piccanti o, nel caso, eliminarli del tutto dalla propria dieta;
  • mangiare più spesso e in quantità ridotte (l’ideale è fare almeno 5 pasti al giorno, invece di 3);
  • smettere di fumare;
  • non mangiare in maniera troppo pesante prima di coricarsi ed evitare di andare a dormire subito dopo mangiato;
  • se si sta seguendo una terapia con farmaci che irritano l’intestino, assumere dei gastroprottetori e, se possibile, diminuire la quantità di farmaco assunta;
  • se si è in sovrappeso, perdere peso potrebbe aiutare a prevenire l’indigestione.

Come abbiamo visto, spesso l’indigestione causa solo fastidio, senza provocare conseguenze serie. Se i sintomi si presentassero in maniera troppo frequente e non dovessero accennare a passare, meglio rivolgersi al medico.

Sintomi, cause e rimedi contro l’indigestione