Candida maschile: sapete quali sono i rischi per lei?

Se pensate sia solo un problema femminile, vi sbagliate, la candida colpisce anche gli uomini e può trasmettersi attraverso i rapporti sessuali.

Secondo delle statistiche, circa il 75% delle donne ha sofferto almeno una volta di candidosi, ma anche gli uomini non ne sono esenti. Ecco come si manifesta la candida maschile e quali rischi comporta.

Cos’è la candida?
La Candida è un fungo che, in caso di alterazione della flora batterica o di abbassamento delle difese immunitarie, può moltiplicarsi eccessivamente, causando infezioni sia nella donna sia nell’uomo. La specie più comune è la Candida albicans e può infettare la bocca come i genitali. Nella donna colpisce la vagina e si caratterizza per delle perdite biancastre, nell’uomo invece colpisce generalmente il glande (la parte finale del pene), determinando un’infiammazione che viene detta balanite, ma può colpire anche la pelle, provocando dermatiti pruriginose con macchie rossastre oppure il cavo orale dando luogo alla candidosi orale (detta anche mughetto).

Candida maschile: i sintomi
Quando la candida colpisce il glande, provoca arrossamento, gonfiore, prurito, talvolta piccole ulcere da cui escono secrezioni biancastre, restringimento del prepuzio, dolore e sanguinamento durante la minzione e i rapporti sessuali. Va detto però che alcune volte la balanite è asintomatica e quindi difficile da riconoscere.

I rischi per lei
L’infezione da candida può trasmettersi per via sessuale, dalla donna all’uomo, come anche dall’uomo alla donna, ecco perché quando all’interno della coppia uno dei due partner ne è colpito, è bene che anche l’altro partner segua una terapia con farmaci antimicotici e antifungini, per scongiurare lo sviluppo dell’infezione ed evitare un fastidioso effetto “ping pong” fra i partner che impedisce la guarigione. Usare il preservativo durante i rapporti sessuali limita la trasmissione della candida, ma l’ideale è evitare i rapporti per tutta la durata del trattamento e di riprendere solo dopo la completa guarigione.

Candida: le cause
La candida si sviluppa come detto quando le difese immunitarie sono deboli e la flora batterica intestinali compromessa. Fra le situazioni che aumentano il rischio di candidosi ci sono: l’assunzione di antibiotici che agiscono negativamente sulla flora batterica intestinale, una sommaria igiene intima, l’uso di detergenti intimi che alterano il PH dei genitali, l’avere rapporti con persone con candidosi in corso. Diabete e obesità inoltre predispondono allo sviluppo di questo tipo di infezione.

Candida: cura e prevenzione
La candida si cura con farmaci antifungini, che generalmente contengono un principio attivo chiamato fluconazolo. Si previene attraverso una corretta alimentazione (con frutta, verdura e cibi fermentati) che rafforzi il sistema immunitario e la flora batterica. Fondamentale poi è un’accurata igiene personale e l’uso di detergenti intimi di qualità, avendo cura di asciugare completamente le parti a rischio sviluppo di funghi dopo una doccia.

Candida maschile: sapete quali sono i rischi per lei?
Candida maschile: sapete quali sono i rischi per lei?