Mal di testa: cause, sintomi, nuove cure

Il mal di testa può risultare debilitante: ecco le cause del problema e le terapie per combatterlo

Il mal di testa è uno dei disturbi più comuni, ma pochi ne conoscono le cause e sono informati riguardo le nuove cure.

A seconda dei sintomi la cefalea può essere di diversi tipi. Troviamo prima di tutto l’emicrania, caratterizzata da un dolore continuo che interessa una sola zona del capo e può durare diverse ore. Meno diffusa è invece la cefalea a grappolo caratterizzata da un dolore fortissimo che coinvolge gli occhi e la fronte. Infine non dimentichiamo la cefalea di tipo tensivo in cui il fastidio interessa tutto il cranio e viene percepito come il classico “cerchio alla testa”.

Quali sono le cause del mal di testa? Nonostante questa patologia sia molto studiata ad oggi non sono state ancora identificate delle cause univoche e uguali per tutti. Spesso a causare il dolore è uno stile di vita errato, in cui convergono stress, ansia, tensione e cattiva alimentazione, ma anche fumo e consumo eccessivo di alcol.

I fattori scatenanti possono essere anche problemi alla cervicale, una postura sbagliata, la masticazione o un’eccessiva attività sportiva. Tutti questi elementi si ripercuotono sulle terminazioni nervose, provocando dolore. Se non viene curato nel modo giusto, il mal di testa può risultare debilitante. Nelle forme più gravi infatti il fastidio tipico è accompagnato da alta sensibilità ai rumori e alla luce, sbalzi di pressione, nausea, vertigini e tachicardia.

Nel corso degli anni sono state sviluppate numerose cure contro il mal di testa. Per i casi più sporadici viene solitamente prescritto un analgesico, che agisce rapidamente eliminando il dolore. Quando però la cefalea è cronica è necessario iniziare un percorso di terapia, consultando anche un medico specialista. Per prima cosa è importante eliminare i fattori che causano il problema – ad esempio lo stile di vita – in seguito si può optare per varie tipologia di cura, che vanno dall’agopuntura, sino alla tossina botulinica, che viene somministrata ogni 3-4 mesi con un’iniezione.

Di recente sono state sperimentate anche nuove cure, basate sugli anticorpi monoclonali, che agiscono direttamente sulla proteina responsabile dell’emicrania, bloccandola.

Mal di testa: cause, sintomi, nuove cure