Harry, nuove prove su chi è suo vero padre. E Meghan Markle rovina l’incontro segreto

"Harry dubita di essere figlio di Carlo", nuove prove su chi sia il suo vero padre si trovano in "Spare". E Meghan Markle rovina l'incontro William

Con la sua autobiografia, Spare, Harry non solo fa tremare il Palazzo, ma mette in dubbio la sua discendenza da Carlo. Le voci che il Principe possa non essere il figlio del Re si stanno facendo insistenti negli ultimi tempi ed è per questo che nel suo libro il tema verrà affrontato in modo approfondito. Intanto pare che per colpa di Meghan Markle salti l’incontro segreto (e chiarificatore) con suo fratello William, in tour di Stato negli Usa con Kate Middleton.

Harry, in dubbio la paternità di Carlo

Harry potrebbe non essere il figlio di Carlo, ma potrebbe essere il frutto dell’amore tra Diana e il maggiore James Hewitt. La voce circola dalla fine degli anni Novanta ed era talmente insistente a causa della straordinaria somiglianza del Principe con l’amante di sua madre che per mettere a tacere il pettegolezzo, Harry si sottopose al test del DNA all’inizio degli anni Duemila. Poi il silenzio.

Quando Carlo è salito al trono a settembre, però, i rumors sono rispuntati e si è messa in dubbio la paternità del Re nei confronti di Harry. Pare sia stato chiesto un nuovo test e che i candidati in lizza per fare da padre al Principe si siano moltiplicati.

Harry, nuove prove sul suo vero padre

La questione tornata così in auge è stata sviscerata e chiarita dallo stesso Harry nella sua autobiografia, Spare, che uscirà il prossimo 10 gennaio. Sembrerebbe sia stata Meghan Markle a convincere il marito a trattare dell’argomento nel libro. Stando fonti vicine ai Sussex, la Duchessa vorrebbe conoscere con certezza il lignaggio del consorte, anche per capire quali sono le radici dei suoi figli, Archie e Lilibet. Lei stessa si è sottoposta al test del DNA e ha scoperto “di essere nigeriana al 43%”, come ha raccontato in uno dei suoi podcast. Si aspetta che Harry faccia altrettanto e chiarisca una volta per tutto qual è il suo patrimonio genetico. Il libro dovrebbe finalmente rivelarlo e non lasciare più dubbi in proposito.

Il magazine New Idea però riporta un’altra versione, ossia che sarebbe stato il ghostwriter di Harry, JR Moehringer, a voler approfondire il capitolo sul rapporto tra lui e il padre. “Quindi è probabile che parlerà delle voci su Hewitt in Spare. Quello che è certo è che Harry rivelerà in questo libro i suoi dubbi, pensava che Carlo non fosse davvero suo padre, anche se quasi certamente condividono lo stesso DNA”.

Ma sul vero contenuto di Spare c’è nebbia fitta. Tanto che la rivista In Touch sostiene che è da escludere che Hewitt possa essere il padre di Harry, perché il maggiore e Diana iniziarono a frequentarsi nel 1986, cioè due anni dopo la nascita del secondogenito. Ma anche in questo caso, ci sono testimonianze contrarie.

Infatti, l’ex guardia del corpo della Principessa, Barry Mannakee, ha raccontato che Diana e Hewitt iniziarono la loro relazione nel 1983 e che lui stesso per la prima volta introdusse di nascosto il Maggiore a Kensington Palace dietro richiesta di Lady D. “La prima notte a Kensington Palace è stata orribile. Avevo paura che Carlo facesse irruzione nella stanza”, ha confessato il bodyguard alla biografa reale, Anna Pasternak.

Harry, l’incontro segreto con William negli Usa

Intanto, William e Kate Middleton sono in viaggio di Stato negli Usa. Nella loro agenda ufficiale non è previsto alcun incontro con Harry e Meghan. Ma pare che i due fratelli avessero intenzione di vedersi in gran segreto per discutere di molte cose, tra cui il contenuto di Spare.

Una fonte vicina ai Principi del Galles ha dichiarato: “William sa che è suo compito mantenere la pace e cercare di far funzionare le cose con Harry e Meghan. Si sente in dovere di incontrare il fratello visto che si trova nello stesso Paese”. Però William teme che la Markle faccia pressione su Harry per annullare all’ultimo l’appuntamento.