Festival di Sanremo 2016: tutto sul superospite Renato Zero

Al Festival della Canzone Italiana di Sanremo 2016, tra i tanti ospiti, ci sarà anche Renato Zero. Ma conosciamolo meglio con questo articolo dedicato interamente al Re dei sorcini

Renato Fiacchini, in arte Renato Zero, nasce a Roma il 30 settembre 1950 ed è un cantautore, showman, ballerino e produttore discografico italiano. I suoi amatissimi fan potranno vederlo tra poche settimane al Festival di Sanremo 2016, che andrà in onda da martedì 9 a sabato 13 febbraio, come ospite d’onore della kermesse canora.
La sua presenza è stata annunciata a sorpresa proprio pochi giorni fa dal presentatore del Festival Carlo Conti, durante una conferenza stampa, mandando in visibilio i suoi milioni di fan. Ma scopriamo qualcosa in più sul grande Renato.

Inizia la sua lunghissima carriera nel 1965. In oltre 50 anni di carriera ha pubblicato ben 34 album e ha scritto oltre 500 canzoni, vendendo più di 45 milioni di dischi. Inoltre, Renato Zero è l’unico cantante in Italia ad essere riuscito a collocare un suo album al numero 1 della hit parade in cinque decenni diversi (anni settanta, ottanta, novanta, duemila e duemiladieci). Tra i suoi innumerevoli riconoscimenti e premi troviamo Telegatti, Grammy alla carriera, una Gondola d’Oro, numerosi premi ai Wind Music Awards e un premio alla carriera rifiutato, nel 2006, proprio durante il 56º Festival di Sanremo.

E proprio al Festival di Sanremo di quest’anno lo rivedremo come super ospite, nove anni dopo la sua ultima apparizione sul palco dell’ Ariston. Era il 2007 e anche allora era tra gli ospiti VIP di quella edizione. Renato Zero è stato anche concorrente del Festival. Nel 1991, con la canzone “Spalle al muro” arrivò secondo, e nel 1993, con “Ave Maria”, si classifica al quinto posto. La speranza dei fan è quella di vederlo esibirsi, durante la serata sanremese, in un medley dei suoi più grandi successi, tra i quali ricordiamo canzoni del calibro di I migliori anni della nostra vita, Triangolo, Mi vendo, Il carrozzone, Matti.

Sveliamo ora una simpatica curiosità. Perché i fan di Renato Zero vengono chiamati sorcini? Nel 1980, Renato si trovava a Viareggio e mentre era in macchina fu assediato dai fan che giravano attorno alla sua auto sopra dei motorini. Data la loro assiduità, Zero disse che somigliavano a dei sorci. Da questo episodio nacque il temine sorcini, che alla lunga ha sostituito quello originario di zerofolli coniato a metà degli anni settanta, e Renato Zero venne ribattezzato “Re dei sorci”.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Festival di Sanremo 2016: tutto sul superospite Renato Zero