5 consigli per ridurre gli sprechi in bagno

Il bagno è il regno della plastica e degli sprechi: ecco cinque consigli per ridurre i rifiuti e lo spreco di creme e trucchi

Foto di Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Erborista e Editor specializzata in Salute&Benessere

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, ambientalista e appassionata di alimentazione sana, cosmesi naturale e oli essenziali, scrive per il web dal 2013.

Gli sprechi in bagno

Tubetti di creme mai terminate, trucchi scaduti, smalti induriti: in bagno sprechiamo davvero tantissimi prodotti. Lo spreco è generalmente da evitare ma a maggior ragione in bagno, perché la stragrande maggioranza dei prodotti è confezionata in tubi e flaconi di plastica, un materiale inquinante che resiste nell’ambiente per moltissimo tempo. Vediamo allora cinque consigli semplici ma efficaci per porre rimedio agli sprechi e fare bene al Pianeta e al nostro portafogli.

Crea i tuoi cosmetici

Alcuni prodotti di bellezza sono semplici da preparare a casa, economici ed efficaci come quelli che si trovano in vendita. Per ridurre gli sprechi in bagno e risparmiare, si possono fare in casa:

Tutti questi prodotti si realizzano con ingredienti semplici come sale, zucchero, oli vegetali, frutta e possono essere personalizzati in modo diverso per adattarsi alle esigenze della propria pelle e dei propri capelli. Alcune ricette prevedono anche l’uso di scarti come le bucce di banana e di agrumi e consentono di ridurre ancora di più gli sprechi e di risparmiare ulteriormente.

Scegli il make-up giusto

Molto spesso l’acquisto di trucchi viene fatto in modo avventato, scegliendo un prodotto solo perché di moda o perché dona tantissimo a un’amica. Così ci si ritrova con rossetti che spengono l’incarnato, smalti per le unghie che non si ha il coraggio di applicare o ombretti che non valorizzano il colore dei propri occhi. Sbagliare nella scelta del make up significa sprecare trucchi che rimarranno in bagno ben oltre la scadenza, ma c’è una soluzione. Attraverso l’analisi armocromatica è possibile conoscere quali colori donano maggiormente e indovinare il make up perfetto per sé. Oggi esistono molte consulenti in armocromia, capaci di valutare quale palette di colori e sfumature si accorda meglio al proprio incarnato, colore degli occhi e dei capelli.

Riduci la plastica

La maggior parte dei cosmetici è confezionata in flaconi o tubi di plastica che, sebbene possano essere riciclati, rappresentano un rifiuto che si può evitare. Per ridurre gli sprechi e i rifiuti in bagno esistono diverse strategie. La più semplice consiste nella scelta di cosmetici con un packaging minimalista o in materiali meno problematici della plastica, come vetro, carta, bioplastica e carta. Un secondo modo è quello di optare per prodotti sfusi, così da riciclare il contenitore a ogni ricarica: shampoo e bagnoschiuma liquidi ad esempio sono facilmente reperibili in versione sfusa. In alternativa, si possono acquistare grandi formati, evitando campioncini e mini size. Ultima strategia consiste nel preferire i cosmetici solidi che, non contenendo acqua, non hanno bisogno di flaconi di plastica per essere trasportati e conservati. Oltre alla classica saponetta, ggi si trovano facilmente numerosi cosmetici solidi come lo shampoo solido, i deodoranti solidi, i dentifrici in polvere o pastiglie e i burri idratanti per viso e corpo.

Usa i prodotti fino alla fine

Un modo davvero semplice per ridurre gli sprechi in bagno è quello di tagliare i flaconi di creme viso e corpo e del dentifricio quando stanno per terminare. Il difetto di tubi e tubetti è infatti quello di non consentire la totale fuoriuscita del prodotto che rimane sulla superficie interna. Per recuperarlo si può tagliare il fondo del tubo con un paio di forbici per poi prelevare la crema o il dentifricio con una piccola spatola: meglio infatti non usare le mani per non contaminare il prodotto e richiudere poi il tubo, se necessario, usando una pinza o la parte del flacone precedentemente eliminata.

Recuperare tutto il prodotto è un ottimo modo per ridurre gli sprechi e risparmiare e può essere fatto anche con altri prodotti come saponette e detergenti liquidi. Le saponette diventate ormai piccole e mollicce, possono essere impastate tra loro per creare panetti di dimensioni maggiori o sciolte completamente in acqua calda o tiepida per realizzare un detergente per le mani e, perché no, per pulire i sanitari. Quando shampoo, bagnoschiuma e saponi intimi o per le mani liquidi stanno per terminare, si può evitare di sprecare il prodotto che rimane lungo le pareti o sul fondo del flacone semplicemente aggiungendo un po’ di acqua e agitando bene.

Chiudi i rubinetti

In bagno si spreca anche moltissima acqua, una risorsa davvero preziosa che dovremmo tutelare per il nostro futuro e per chi verrà dopo di noi. Per ridurre lo spreco di acqua in bagno si possono adottare semplici abitudini che, per quanto facili da attuare, possono fare la differenza sul lungo periodo. Ad esempio, il consumo di acqua può essere diminuito installando dei rompigetto ai rubinetti del bagno, chiudendo il rubinetto quando ci si lava i denti o ci si insapona sotto la doccia e utilizzando il pulsante più piccolo dello scarico del wc. Si tratta davvero di strategie che non costano fatica ma che aiutano ad abbattere i consumi e gli sprechi.